Pfizer e Moderna, Aifa: "Casi molto rari di miocardite dopo vaccini"

Pfizer e Moderna, Aifa: Casi molto rari di miocardite dopo vaccini
Approfondimenti:
Adnkronos ECONOMIA

"Dopo la vaccinazione con i vaccini a mRna anti Covid-19 Comirnaty* e Spikevax* - si legge - sono stati osservati casi molto rari di miocardite e pericardite.

"Principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile".

"I dati a disposizione - precisa l'ente regolatorio nazionale - suggeriscono che il decorso della miocardite e pericardite dopo la vaccinazione non è diverso da quello della miocardite o della pericardite in generale"

No al vaccino J&J "in chi ha avuto sindrome da perdita capillare". (Adnkronos)

Ne parlano anche altri giornali

Sembra che in Israele stiano accadendo cose strane con il vaccino Pfizer. Siccome il vaccino Pfizer ha un’efficacia di prevenire la variante Delta dell’80%, dovremmo osservare per ogni 5 casi tra i non vaccinati, un caso tra i vaccinati. (Radio Radio)

Covid - L'aggiornamento dell'Agenzia italiana del farmaco: “Johnson&Johnson è controindicato nei soggetti che hanno presentato episodi di sindrome da perdita capillare”. Condividi la notizia:. . . . . . (Tuscia Web)

Come si difende il sistema immunitario. Il sistema immunitario è naturalmente progettato per combattere i virus. Pertanto è conosciuta la funzione ed il ruolo di ogni piccola porzione del codice mRNA che viene iniettato (BolognaToday)

Vaccino anti-covid, riorganizzate dosi e sedi

Efficacia due dosi Astrazeneca contro i sintomi da Covid. Due dosi di Astrazeneca proteggono dai sintomi della variante Delta all'60% secondo le ricerche in Gran Bretagna, al 61% in base a quelle scozzesi (ilmessaggero.it)

I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile». Pertanto il prodotto anti-Covid di J&J «è attualmente controindicato nei soggetti che in precedenza hanno presentato episodi di Cls», precisa ancora l'Aifa che, anche dopo anche dopo quanto già comunicato dall'Agenzia europea del farmaco Ema comunica «aggiornamenti sulla controindicazione negli individui con pregressa sindrome da perdita capillare», nonché sulle trombosi rare dopo vaccinazione J&J (ilmessaggero.it)

Da domani, mercoledì 21 luglio 2021, la prima dose di vaccino anti Covid per i soggetti di età inferiore ai 60 anni candidati a vaccino ad mRNA sarà effettuata con i vaccini Pfizer o Moderna in base alla disponibilità dei vaccini. (AostaSera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr