Donna uccisa a Genova dall'ex, «Clara si era già pagata il funerale, forse aveva capito sarebbe finita male»

Donna uccisa a Genova dall'ex, «Clara si era già pagata il funerale, forse aveva capito sarebbe finita male»
Più informazioni:
Il Messaggero INTERNO

Arrestato. Genova, donna uccisa con 30 coltellate nel suo negozio.

Forse Clara Ceccarelli, la commerciante uccisa ieri pomeriggio nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova dal suo ex compagno, aveva avuto un presagio di quanto le sarebbe capitato.

Un presagio quasi confermato dall'ammissione di Renato Scapusi, il suo ex compagno di 59 anni, disoccupato e ludopatico.

Renato ha aspettato che venisse sera e che se ne andasse il ragazzo dal negozio», ha detto una delle commercianti vicine di negozio

APPROFONDIMENTI CRONACA Genova, Clara Ceccarelli i fiori davanti al luogo della tragedia ITALIA Genova, donna uccisa a coltellate nel suo negozio di scarpe LA TRAGEDIA Genova, donna uccisa con 30 coltellate nel suo negozio. (Il Messaggero)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Prima economico visto che anche per sostenere le spese del compagno aveva dovuto chiudere un secondo negozio di calzature sempre nella stessa via. Erano circa le 19 quando l’uomo è entrato nel negozio, i commercianti vicini dicono di aver sentito delle urla poi più niente. (La Repubblica)

Volevo tornare con lei, ma Clara non voleva. Saranno circa le 2 della notte tra venerdì e sabato e Renato Scapusi, 59 anni, piastrellista disoccupato, confessa. (Corriere della Sera)

"Ma Renato - ha proseguito il negoziante - ha aspettato che venisse sera e che se ne andasse il ragazzo dal negozio". Sono agghiaccianti le confessioni del commesso che lavorava saltuariamente nel negozio di Clara Ceccarelli, la negoziante uccisa ieri pomeriggio in pieno centro a Genova, dal suo ex compagno Renato Scapusi, 59 anni. (Quotidiano.net)

Genova, 69enne uccisa da trenta coltellate nel suo negozio: l’ex compagno ha confessato

Anche in tempo di Covid via Colombo e le strade circostanti, come via San Vincenzo, attirano nei negozi molti clienti La vittima aiutava ancora l’ex compagno dandogli dei soldi che lui, soffrendo di ludopatia, dilapidava. (Il Fatto Quotidiano)

La vittima era molto conosciuta e stimata dagli altri commercianti: in diversi l'hanno ricordata come una persona "dolce e gentile" Per diversi testimoni si è trattato di un omicidio annunciato: da tempo Scapusi telefonava a Clara, si presentava in negozio. (AGI - Agenzia Italia)

Davanti alla saracinesca chiusa tanti fiori, rose bianche e rosse, e uno striscione rosa: "Non è un raptus ad ucciderci, basta crederci", si legge. (Adnkronos). (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr