Tennis, il premier australiano sul caso Djokovic: "Protetti i sacrifici contro la pandemia"

Tennis, il premier australiano sul caso Djokovic: Protetti i sacrifici contro la pandemia
OA Sport INTERNO

A rafforzare quest’idea sono state le dichiarazioni del premier australiano Scott Morrison: “Prendo atto della decisione del ministro dell’Immigrazione in relazione al visto del signor Novak Djokovic.

Se la sentirà il serbo di perseguire l’iter legale per giocare oppure opterà per lasciare l’Australia visto il contesto?

Gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e giustamente si aspettano che il risultato di quei sacrifici venga protetto. (OA Sport)

Ne parlano anche altre testate

Nel 1975/1976, è Luigi Radice a guidare il Torino allo scudetto, il primo, e sin qui l’unico, dopo la tragedia di Superga. La prima panchina di Luigi Radice è quella del Monza, in serie C, nella stagione 1966/1967, conquistando subito la promozione in cadetteria. (Calcio In Pillole)

Se il tennista serbo non riuscirà ad impugnare la decisione in tribunale sarà immediatamente espulso dal Paese. 14 Gennaio 2022. Il Ministro dell'Immigrazione del Governo Australiano ha annullato il visto di Novak Djokovic, avvocati al lavoro per un'ingiuzione immediata. (Sportal)

Il governo australiano ha cancellato il visto del serbo, sbarcato in Australia da non vaccinato, tramite un'esenzione medica. Tale provvedimento è accompagnato da un'altra schiacciante implicazione: se le cose rimanessero così, Djokovic dovrebbe attendere 3 anni per ottenere nuovamente un visto per l'Australia. (Eurosport IT)

Tennis, l’Australia cancella il visto a Djokovic

Insieme abbiamo raggiunto uno dei tassi di mortalità più bassi, le economie più forti e i tassi di vaccinazione più alti al mondo. Questa pandemia è stata incredibilmente difficile per ogni nostro cittadino, ma siamo rimasti uniti e abbiamo salvato vite umane e. (Ticinonline)

Di seguito il video Youtube per seguire la diretta dell’udienza:. IL VIDEO IN DIRETTA DELL’UDIENZA DEL CASO DJOKOVIC. Foto: LaPresse Il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke ha usato il suo potere personale per annullare il visto di Novak Djokovic (seconda volta) in Australia e per il serbo quindi la scelta è stata quella di rispondere immediatamente alla decisione. (OA Sport)

Un sondaggio online di News Corp ha rilevato che l’83% degli australiani è favorevole all’espulsione di giocatore Il ministro dell’Immigrazione, Alex Hawke, ha utilizzato poteri discrezionali per annullare nuovamente il visto di Djokovic, dopo che un tribunale aveva cancellato la precedente revoca e lo aveva rilasciato lunedì dalla detenzione per immigrati. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr