Vaccini, tra il 5 e il 7 maggio 2,1 milioni di dosi Pfizer in Italia

Vaccini, tra il 5 e il 7 maggio 2,1 milioni di dosi Pfizer in Italia
Più informazioni:
Rai News ECONOMIA

Finora sono stati consegnati in tutto oltre 22 milioni e 500mila vaccini, tra Pfizer, Moderna, Vaxzevria (Astrazeneca) e Janssen (Johnson & Johnson).

Tra ieri e oggi sono stati già distribuiti in generale altri 2,5 milioni circa di vaccini (oltre 2 mnl di Vaxzevria, 270mila di Moderna, 160 di Janssen).

E' quanto si apprende dalla struttura commissariale per l'emergenza.

La lotta alla pandemia ​Vaccini, tra il 5 e il 7 maggio 2,1 milioni di dosi Pfizer in Italia (Rai News)

Ne parlano anche altre testate

L’opinione sarà quindi inoltrata alla Commissione europea, che emetterà una decisione finale legalmente vincolante applicabile in tutti gli Stati membri del blocco. Lo ha fatto sapere l’agenzia, sottolineando che Comirnaty è attualmente autorizzato per l’età pari o superiore a 16 anni. (LaPresse)

Moderna e Pfizer/BioNTech: vaccini ai giovanissimi, sperimentazioni in corso. Moderna e Pfizer/BioNTech stanno sperimentando l'efficacia dei vaccini sviluppati con Rna messaggero sulle fasce d'età più basse: ci sono già i primi dati sui vaccini ai giovanissimi Le sperimentazioni dei vaccini anti Covid nei bambini e negli adolescenti sono in corso. (Today.it)

“E’ molto utile – dice il professore – l’esame sierologico anche venti giorni dopo la seconda dose per andare a vedere quanti anticorpi si sono formati. Ieri, in particolare, la provincia di Palermo ha fatto segnare un boom di somministrazioni (10. (Livesicilia.it)

Pfizer e Moderna? “I cavalli vincenti”

A volte nei nostri archivi abbiamo cellulari non più in uso, o solo numeri fissi, e può essere che non siamo riusciti a raggiungere varie persone» dice Paglioli Un posticipo di seconde dosi che non mancherà di creare disagi (in parte già verificatisi) ai cittadini prenotati. (Gazzetta di Parma)

La somministrazione ha riguardato 11.386.162 donne e 8.562.905 uomini. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate la Lombardia con 3.375.410 (l'88,2 per cento delle dosi ricevute), il Lazio con 1.915.472 (l'86,5 per cento) e la Campania 1.714.615 (l'88,6 per cento). (leggo.it)

Almeno stando a Sai Reddy e a Steve Pascolo, immunologi al Politecnico e all’Università di Zurigo, intervistati dal Blick. Per esempio, il vaccino cinese Sinovac, impiegato soprattutto in Brasile e in Turchia, “è debole nei confronti delle varianti”, spiega Reddy (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr