Conegliano, runner in piazza Cima: testimonianza contro la violenza

Conegliano, runner in piazza Cima: testimonianza contro la violenza
La Tribuna di Treviso INTERNO

.

Riprendersi la città e contrastare gli atti violenti, i podisti del gruppo “5.35 run Conegliano” all’alba di stamattina si sono ritrovati in piazza Cima e hanno voluto mandare un messaggio, in risposta al brutale pestaggio avvenuto domenica pomeriggio.

«Vogliamo la nostra piazza calpestata da runners, famiglie e bambini urlanti che escono da scuola, eventi culturali e musicali – questo il significato del “flash mob” allestito dai runners 5.35 -. (La Tribuna di Treviso)

Su altri giornali

Il Questore della provincia di Treviso ha emesso a carico dei due giovani stranieri, in regola con le norme sul soggiorno sul territorio nazionale, il divieto di accesso in tutti gli esercizi pubblici di Piazza Cima per 2 anni, il c. (Oggi Treviso)

Il Questore della provincia di Treviso ha emesso a carico dei due giovani stranieri, in regola con le norme sul soggiorno sul T.N, il divieto di accesso in tutti gli esercizi pubblici di Piazza Cima per 2 anni, il c. (Qdpnews)

È accaduto nel pomeriggio di ieri a Conegliano, in provincia di Treviso, nella centralissima piazza Cima. Un vero e proprio raid punitivo ripreso in un video da alcuni presenti che hanno assistito all'accaduto e hanno subito allertato il 112. (Fanpage.it)

Pestaggio in piazza Cima, per gli aggressori il 'Daspo Willy'

Gli aggressori sono riusciti a fuggire prima dell'arrivo delle forze dell'ordine ma alcuni di loro sarebbero già stati identificati. Si tratterebbe di nomi già noti agli inquirenti (TrevisoToday)

Nel prosieguo delle indagini relative all’aggressione avvenuta il 30 aprile scorso al Quartiere Tramontone ed all’arresto di uno dei due responsabili per tentato omicidio, l’Autorità Giudiziaria competente ha ritenuto opportuno indagare lo stesso pregiudicato tarantino di 32 anni anche per il reato di maltrattamenti in famiglia. (Tarantini Time)

er gli aggressori di piazza Cima arriva il "Daspo Willy". Il Questore della provincia di Treviso ha emesso a carico dei due giovani stranieri, in regola con le norme sul soggiorno sul territorio nazionale, il divieto di accesso in tutti gli esercizi pubblici di Piazza Cima per 2 anni, il c. (Oggi Treviso)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr