Polemiche su Montanelli, le foto da bambine per la campagna sui social "Io sto con Destà"

La Repubblica La Repubblica (Esteri)

La campagna, con l'hashtag #iosonodestà, è partita dall'iniziativa di diverse attrici che hanno pubblicato una loro foto a 12 anni.

E' uno dei tanti post pubblicati per la campagna social che si sta diffondendo in questi giorni dopo il dibattito sulla rimozione o meno della statua di Indro Montanelli dai giardini di via Palestro a Milano

Se ne è parlato anche su altri giornali

Si parla del caso legato a Indro Montanelli, finito nel mirino sull'onda del movimento sorto dopo il brutale omicidio di George Floyd. Premier Conte: voci dal Colle, Mentana lo inchioda. "Non è un passante". (Liberoquotidiano.it)

Sabato mattina Gioventù Nazionale, il gruppo giovanile di Fratelli D'Italia, ha effettuato un presidio simbolico dinnanzi alla statua di Giulio Cesare in piazza Tre Martiri per condannare gli atti vandalici avvenuti in numerose città italiane, ai danni di statue e monumenti. (RiminiToday)

Gioventù Nazionale è da sempre schierato contro il razzismo, questi sono semplicemente atti di violenza ingiustificata ed incoerente. Noi di Gioventù Nazionale siamo e saremo sempre dalla parte delle forze dell'ordine che ogni giorno rischiano la vita per aiutare i cittadini. (RiminiToday)

Le lettere che ricevo, però, mi preoccupano. Come tanti, sono delusa del tuo articolo sul monumento di Montanelli. (Corriere della Sera)

E’ stato poco più avanti, dove Karima scriveva del “nostro Paese”. Il “nostro Paese” non era il Paese di Karima e di qualcun altro, era il nostro, il suo e il mio, come è logico che sia, come dovrebbe essere, senza l’eccezione di un solo istante. (L'HuffPost)

Perciò, se è possibile perdonare l’ingenuità giovanile della “camicia nera” Giovanni Conte, è assolutamente incivile indicarlo come esempio alle nuove generazioni dell’Italia democratica che frequentano una Scuola intitolata al suo nome. (Micromega)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr