"I care", torna la Marcia della Pace Perugia-Assisi: "Segno di speranza"

I care, torna la Marcia della Pace Perugia-Assisi: Segno di speranza
PerugiaToday INTERNO

La città di Perugia condivide pienamente il motto scelto per l’edizione 2021 della marcia “I care”, perché prendersi cura significa “avere a cuore”.

In prima fila quelli della Città di Perugia, della Regione dell’Umbria, della Provincia di Perugia con i rispettivi amministratori.

Anche la presidente della Regione, "nell’esprimere solidarietà alla Cgil, ha sostenuto come la marcia sia un’ulteriore testimonianza della ferma condanna verso ogni forma di violenza. (PerugiaToday)

La notizia riportata su altri giornali

la marcia Perugia-Assisi ieri, domenica 10 ottobre, ha compiuto sessant’anni dalla prima edizione organizzata da Aldo Capitini nel 1961 ed ha scelto come slogan: ‘I care’, la cura è il nuovo nome della pace. (gonews)

La Marcia della pace e della fraternità dei 60 anni è anche quella caratterizzata dalle mascherine anti-Covid indossate dalle migliaia di partecipanti. «Vuol dire rivolgere lo sguardo a chi è indietro» hanno ripetuto lungo il percorso i partecipanti. (Corriere TV)

Marcia della pace Perugia Assisi. Diversi rappresentanti locali sono partiti alla volta del capoluogo umbro per partecipare all’evento. Marcia della pace Perugia Assisi. A sfilare anche la consigliera Lina Delle Monache (Tuscia Web)

La marcia Perugia-Assisi arriva alla 60esima edizione: oltre 10mila persone, anche Mimmo Lucano

Il comune di Cervia ha aderito alla “Marcia per la Pace Perugia-Assisi” che si è svolta domenica 10 ottobre organizzata dal Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani. Quest’anno era la 60° edizione ed è stata dedicata Gino Strada il fondatore di Emergency. (ravennanotizie.it)

Con lui la senatrice Bruna Piarulli, alcuni consiglieri comunali e liberi cittadini che hanno voluto percorrere i 27 chilometri per manifestare il messaggio di pace.Migliaia le persone che sfilano sotto la bandiera arcobaleno. (CoratoViva)

“Dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri e quando siano vicini indossare la mascherina, un segno di cura che deve diventare contagioso”, si sono raccomandati gli organizzatori. Tra i messaggi agli organizzatori è arrivato anche quello del presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “La pace non soltanto è possibile. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr