Auto: crisi chip, in 3 anni 14 milioni veicoli in meno

la voce d'italia ECONOMIA

Intanto quasi un’impresa su due si posiziona verso powertrain elettrici e ibridi.

Più forti i timori in Piemonte – regione che vale il 33,5% delle aziende nazionali e produce il 35,8% del fatturato italiano – dove la percentuale sale al 37%.

“I processi di aggregazione industriale (Stellantis) e il risveglio della politica industriale in Italia, anche grazie al Pnrr, pongono sfide impegnative per la filiera automotive italiana ma anche opportunità inattese”, osserva Francesco Zirpoli, direttore scientifico del Cami del Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari

– La carenza dei semiconduttori provocherà – secondo le stime degli analisti – un calo della produzione di auto in tre anni di oltre 14 milioni di veicoli: 4,5 milioni quest’anno, 8,5 milioni nel 2022 con una coda di 1 milione nel 2023. (la voce d'italia)

La notizia riportata su altri giornali

È stata presentata ieri online l’edizione 2021 dell’Osservatorio sulla componentistica automotive italiana, realizzato dalla Camera di commercio di Torino, ANFIA e dal Center for Automotive and Mobility Innovation del Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. (Yahoo Notizie)

Leggi Anche: Anfia: componentistica automotive al bivio, innovare per non diventare marginali. I NUMERI DELLA COMPONENTISTICA AUTOMOTIVE IN ITALIA. In Italia sono presenti 2203 imprese di componentistica automotive, con oltre 161.400 addetti. (Fleet Magazine)

Sono state vendute 78 milioni di unità, 12,5 milioni in meno rispetto al 2019 (-13,8%). Per il 2021 si stima che i volumi della produzione italiana possano attestarsi intorno ad 845mila unità (+8,8% rispetto al 2020). (Industria Italiana)

Se la filiera automotive nazionale non viene aiutata nella riconversione, si vede grigio. L’Osservatorio sulla componentistica automotive italiana descrive un universo di 2.203 imprese. (Automoto.it)

il Presidente della Camera di commercio di Torino Dario Gallina afferma che:. Mentre quasi un’impresa su due si posiziona verso powertrain elettrici e ibridi, per il 2021 si attende una ripresa, nonostante le preoccupazioni relative ai prezzi e alla reperibilità delle materie prime. (Quotidiano Piemontese)

Nel 2020 il fatturato del settore e' sceso dell'11,9% in Italia rispetto al 2019 e del -13,8% in Piemonte, che rappresenta da solo il 33,5% delle aziende nazionali e produce il 35,8% del fatturato italiano. (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr