I Cherokee contro Jeep: “Non usate più il nostro nome”

I Cherokee contro Jeep: “Non usate più il nostro nome”
Ticinonews.ch ECONOMIA

Il capo dei Cherokee ha chiesto al gruppo Stellantis, frutto della fusione tra Fiat-Chrysler e il gruppo francese Psa, di non usare più il nome della loro tribù per il suo più famoso modello di Jeep e di avviare un dialogo sul tema dell’appropriazione culturale.

“Penso sia arrivato il tempo in cui società e squadre non utilizzino più nomi, immagini e mascotte legati ai nativi americani”, ha detto Chuck Hoskin Jr. (Ticinonews.ch)

Su altri media

La risposta di Jeep agli indiani d'America. Negli ultimi otto anni (ovvero da quando il nome Cherokee è tornato nella gamma Jeep), la Cherokee Nation non ha mai detto esplicitamente che Jeep dovrebbe cambiare nome all'auto. (Motor1 Italia)

Jeep ha lanciato il suo primo modello di 4X4 nel 1974. Già in passato i Cherokee avevano ripetutamente espresso fastidio e frustrazione per l'uso del loro nome da parte di Jeep, ma questa è la prima richiesta diretta per avere un cambiamento (IL GIORNO)

Stellantis, la società madre di Jeep nata dalla fusione di Fiat Chrysler Automobiles e il produttore di Peugeot PSA Group, ha confermato la notizia martedì. “Lo stabilimento di Stellantis a Belvidere in Illinois, sta riequilibrando i livelli di personale in quanto riallinea la produzione per soddisfare la domanda globale di Jeep Cherokee. (ClubAlfa.it)

Il capo dei Cherokee contro Jeep: «Non usate più il nostro nome»

Chuck Hoskin Jr. infatti, che è il capo della Cherokee Nation, la più grande delle tre tribù Cherokee riconosciute dal governo federale degli Stati Uniti, ha inoltrato questo richiesta scritta alla redazione di Car and Driver. (Virgilio Motori)

Dopo una serie di polemiche e accuse di razzismo, di recente la squadra di football americano di Washington, i ‘Redkskins’, e quella di baseball di Cleveland, gli ‘Indians’, hanno cambiato i loro nomi per rispetto delle tribù dei nativi americani. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr