Sinner n.1 anche dopo l’eliminazione da Wimbledon: il ranking aggiornato e cosa cambia dopo la vittoria di Medvedev

Sinner n.1 anche dopo l’eliminazione da Wimbledon: il ranking aggiornato e cosa cambia dopo la vittoria di Medvedev
Articolo Precedente

next
Articolo Successivo

next
la Repubblica SPORT

L’eliminazione nei quarti di finale di Wimbledon per mano di Daniil Medvedev è sicuramente un risultato inaspettato e lascia anche un po’ di amaro in bocca. Ma Jannik Sinner può consolarsi almeno con il ranking: il tennista azzurro infatti resterà al n.1 anche al termine del prestigioso torneo londinese dello Slam. Anche se a vincerlo dovessero essere Novak Djokovic o Carlos Alcaraz. Vediamo perché. (la Repubblica)

La notizia riportata su altri giornali

Un set per parte, il primo conquistato da Jannik Sinner al tie break con la generosa collaborazione del rivale (9-7 da 1-3, cancellando un set point) e il secondo sbranato da Daniil Medvedev con una difesa granitica (6-4). (Corriere della Sera)

Però evidenzia anche un cattivo feeling al quinto set per l’allievo di Simone Vagnozzi. Il ragazzo di Sesto Pusteria si è arreso a Daniil Medvedev in una partita difficile ma anche condizionata da un malore tra secondo e terzo set. (OA Sport)

Wimbledon: Sinner cade, si rialza, ma alla fine si arrende a Medvedev (Sport Mediaset)

Wimbledon, Sinner ko in 5 set: in semifinale va Medvedev

Sinner torna a parlare dopo oltre un’ora dalla sconfitta contro Medvedev ai quarti di Wimbledon. In semifinale ci va il russo, sfiderà Alcaraz. All’italiano, numero uno al mondo, rimane la frustrazione per una partita che era nelle sue corde. (IlNapolista)

Se Alcaraz ha vinto 12 match su 13 al quinto in carriera, i numeri di Sinner sono ben inferiori Italy's Jannik Sinner reacts reacts after losing a point... Leggi tutta la notizia (Virgilio)

Jannik Sinner, condizionato da problemi fisici non chiari, è uscito di scena ai quarti di finale dal singolare maschile di Wimbledon, terza prova stagionale del Slam in scena sui campi in erba dell’All England Club di Londra. (Giornale di Sicilia)