Moncler – Titolo in coda al Ftse Mib a -2,7%

Moncler – Titolo in coda al Ftse Mib a -2,7%
Il Cittadino on line ECONOMIA

Un andamento che potrebbe esprimere prese di profitto sul titolo, che la scorsa settimana ha raggiunto un nuovo massimo storico a 54,44 euro e ha guadagnato complessivamente il 4,1% dopo i conti 2020.

Mattinata in rosso per le azioni Moncler che, intorno alle 9:30, cedono il 2,7% a 51,86 euro, scivolando in coda al Ftse Mib (-1,2%).

Fonte MarketInsight

Numeri che, seppur in calo, sono risultati superiori al consensus, con ricavi consolidati scesi dell’11% a cambi costanti a a 1.440,4 milioni ma superiori del 3,9% rispetto alle attese e con un l’utile netto diminuito del 16,3% a 300,4 milioni, al di sopra tuttavia dei 199 milioni previsti dagli analisti. (Il Cittadino on line)

Ne parlano anche altri giornali

Dopo la diffusione settimana scorsa dei conti 2020, il mercato guarda al nuovo piano strategico che verrà presentato il 19 marzo. Copper è il quinto produttore di pneumatici del Nord America per fatturato,Bene oggi anche Poste Italiane (+2,62%). (Finanza.com)

Fra le raccomandazioni di Borsa, gli analisti di Citigroup hanno avviato la copertura su Stellantis (+2,3%) con un rating buy e un target price di 20 euro Il titolo segna un +9,2% finale. (Finanza Report)

A Milano è stata la giornata di Telecom Italia (+9,16%) nel giorno della pubblicazione dei conti del quarto trimestre, che si è chiuso con ricavi ed Ebitda sopra la stime, e dell’aggiornamento del piano industriale al 2023. (Adnkronos)

In recupero la Borsa di Milano e gli altri mercati europei

In lieve rialzo lo spread del rendimento fra titoli di Stato decennali italiani e tedeschi intorno ai 97 punti base. Secondo un primario broker italiano, il via libera all'offerta vincolante rappresenta un "floor" alla valutazione della controllata. (Yahoo Finanza)

L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,3% sopra quota 23 mila punti spinto da Tim (+7% a 0,41 euro), dopo i conti e il piano strategico al 2023, gradito agli analisti finanziari. Bene Unicredit (+1,09%), invariate Intesa e Banco Bpm, fiacca Bper (-0,05%). (Corriere Quotidiano)

Nessuna variazione significativa per l', che scambia sui valori della vigilia a 1.805 dollari l'oncia. (Teleborsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr