Cashback, niente stop: Senato respinge mozione

Cashback, niente stop: Senato respinge mozione
Money.it INTERNO

Cashback, niente stop: Senato respinge mozione. Solo questa mattina, in prospettiva del voto, Giorgia Meloni aveva sostenuto ancora una volta le ragioni dello stop al piano inquadrando le chiusure di Pasqua come “un altro colpo a tanti comparti, dalla ristorazione al commercio, senza dimenticare il” turismo

Con 114 No a fronte di 21 Sì, il Senato ha appena respinto la mozione che chiedeva lo stop del piano cashback, vale a dire il programma che consente agli italiani di accumulare rimborsi economici annuali. (Money.it)

Ne parlano anche altri giornali

Contrari alla richiesta del partito di Giorgia Meloni sono stati 114 senatori, a favore 20, astenuti 89. "Ventitré sono i miliardi che si stimano in termini di maggiori consumi nel biennio, sulla base dei numeri prodotti da quando esiste il Cashback (Adnkronos)

Nel primo trimestre 2021 sono state fatte 255 milioni di transazioni con 9,5 miliardi di transito, e le stime parlano di 14 miliardi entro fine del 2022. Ma come e quando ci saranno misure in tal senso non ci è ancora dato saperlo (SmartWorld)

editato in: da. Nessuno stop (almeno per ora) ma una più generica correzione all’orizzonte per il cashback che si salva in corner ma resta comunque nel mirino. Nove, invece, i miliardi di maggiore gettito da oggi al 2025 (QuiFinanza)

Il "cashback di Stato" resiste: bocciata la mozione di Fratelli d'Italia. Sì alle correzioni anti-furbetti

LEGGI ANCHE> > > Gratta e vinci da 500 mila euro, la reazione del vincitore è sconvolgente. Cashback: come funziona e perché non bisogna approfittarsene? Prendiamo in considerazione il caso delle trentadue transizioni. (Yeslife)

Il giorno che doveva affossare il cashback, insomma, molto probabilmente lo ha definitivamente radicato Ciriani viene respinta, con 20 voti favorevoli, 114 voti contrari e 89 astensioni. (Punto Informatico)

Il Governo si impegna, in sostanza, a "una valutazione retrospettiva di costi e benefici in un quadro più generale di riforma e di modernizzazione". Da Forza Italia, la capogruppo al Senato, Anna Maria Bernini, ha sottolineato che "ci sono più costi che benefici: è giusto fare un tagliando" (DDay.it - Digital Day)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr