La fuga di Kaitlin Armstrong: uccide la campionessa che le aveva rubato il suo fidanzato e sparisce nel nulla

Corriere della Sera ESTERI

Lei, la compagna in fuga e accusata di omicidio: Kaitlin Marie Armstrong, 34, insegnante di yoga.

Ad ammazzarla, sarebbe stata Kaitlin Marie Armstrong, devastata dopo aver saputo della presunta relazione che la rivale aveva con il suo fidanzato: Colin, appunto.

«Scagionato», quest’ultimo, dalle telecamere di sicurezza di un palazzo nelle vicinanze mentre, dopo aver salutato affettuosamente l’amante, è stato ripreso mentre usciva dall’auto di lei per andarsene via. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altre testate

La sera in cui è stata uccisa, Wilson era a quattro giorni da una gara agonistica È stato lo stesso corridore a confermare l’ipotesi alla polizia, raccontando che la sera dell’omicidio aveva cenato con la vittima, prima di lasciarla a casa di un amico. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Si può riassumere così l'incredibile storia che coinvolge tre giovani americani: Kaitlin Armstrong (la presunta assassina), Colin Strickland (il fidanzato) e Anna "Mo" Wilson (l'amante, vittima dell'omicidio). (ilmessaggero.it)

La sera in cui è stata uccisa, Wilson era a quattro giorni da una gara agonistica. La ragazza era passata dallo sci alpino al ciclismo, dove si era già messa in evidenza, entrando nella categoria elite. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Lei è Kaitlin Marie Armstrong, 34 anni, insegnante di yoga, fidanzata del ciclista Colin Strickland, 35 anni, campione di gravel. La scomparsa improvvisa della campionessa di gravel Anna Moriah Wilson, trovata morta l’11 maggio scorso a Austin dove era arrivata per partecipare ad una gara, si è trasformata in un autentico giallo. (TUTTOBICIWEB.it)

Pochi minuti più tardi, nell’inquadratura è comparsa una Jeep Cherokee nera simile a quella di Kaitlin Marie Armstrong, scesa dal mezzo col volto coperto e la targa pure. La donna era stata interrogata dalla polizia dopo l’assassinio di Mo e il mandato d’arresto pare fosse già pronto (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr