Coronavirus in Italia: 9.630 nuovi casi e 274 morti. Ricoveri in aumento

Coronavirus in Italia: 9.630 nuovi casi e 274 morti. Ricoveri in aumento
IlGiunco.net SALUTE

I ricoverati con sintomi sono invece 18.155, quindi 351 in più di ieri (ieri 17.804)

Gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in totale 387.903, pari a -992 rispetto a ieri.

Nelle ultime 24 ore ci sono stati 10.335 guariti.

Nelle ultime 24 ore si registrano 274 morti per coronavirus (ieri erano 232), per un totale di 95.992 vittime da febbraio 2020.

– In Italia i nuovi casi sono 9.630 (ieri erano +13.452) per un totale di 2.818.863 contagi dall’inizio della pandemia. (IlGiunco.net)

Ne parlano anche altre testate

Milano, 23 feb. (LaPresse) - Sono 356 i decessi in Italia nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dai dati del ministero della Salute. (LaPresse)

Di questi, 367.630 pazienti sono in isolamento domiciliare, 1.367 in meno rispetto a ieri La Regione con più casi giornalieri è l'Emilia Romagna con 1.847 casi, seguita da Lombardia (+1.491), Campania (+1.202), Toscana (+911) e Lazio (+854). (AGI - Agenzia Italia)

cronaca. I numeri della pandemia come ogni lunedì calano, ma a fronte di quasi 80 mila test in meno rispetto a ieri. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.155 persone, in aumento di 351 unità rispetto a ieri (TG La7)

Sono 9.630 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Ieri erano quasi 13.500.

Le terapie intensive sono a 2.118 ricoverati (+24 unità) con 162 nuovi ingressi. I decessi sono stati 274 nelle ultime 24 ore, in aumento rispetto ai 232 registrati ieri. (Vivi Enna)

I contagiati delle ultime 24 ore sono stati 9.360 a fronte di 170.672 tamponi effettuati. Covid-19, ecco il nuovo bollettino medico nazionale di lunedì 22 febbraio 2021: i dati giornalieri. (Inews24)

Le nuove vittime sono invece 274, contro le 232 accertate nel precedente aggiornamento. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.155 persone, in aumento di 351 unità rispetto a ieri (L'Unione Sarda.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr