Bolletta gas in aumento del 13,7% per novembre

Finanza.com ESTERI

Aumenta la bolletta del gas per le famiglie ancora in tutela. Dopo il calo del mese di ottobre (-12,9%), in base all’andamento del mercato all’ingrosso italiano per la famiglia tipo in tutela per i consumi del mese di novembre si registra una crescita del +13,7% rispetto al mese scorso. Così ha deciso l’Arera per cui in termini di effetti finali, la spesa gas per la famiglia tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° dicembre 2021 e il 30 novembre 2022) è di circa 1.740 euro, +63,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° dicembre 2020 – 30 novembre 2021). (Finanza.com)

Ne parlano anche altre testate

Aziende e famiglie continuano ad essere vessate dall’aumento incontrollato delle bollette del gas. (SanremoNews.it)

Nuovo rialzo in vista per le bollette del gas. Cosa cambia? Ecco tutti i dati riportati da Arera che ha ufficializzato gli aumenti ed esposto chiaramente cosa dovremo aspettarci. Bollette del gas, nuovo aumento: cosa ci attende? Quanto pagheremo in più? (METEO.IT)

La frenata dei prezzi del gas è stata solo un’illusione. Il rapido saliscendi del prezzo è legato anche al fatto che l’aggiornamento delle tariffe del metano – sempre per quel che riguarda gli utenti in regime di mercato tutelato – è diventato a cadenza mensile, e non più trimestrale. (L'Eco di Bergamo)

E oggi entra in vigore il divieto di spedizioni marittime di greggio russo, insieme al price cap concordato nel fine settimana” Gentiloni ha parlato anche del ruolo degli Stati membri: “Ecco perché incoraggiamo gli Stati membri a migliorare l’orientamento di queste misure. (LaPresse)

La spesa per il gas della famiglia tipo nell'anno scorrevole (compreso tra il 1° dicembre 2021 e il 30 novembre 2022) è di circa 1.740 euro, pari al +63,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente. (Fotospot - Ascolinotizie24)

Incrociamo qui due diverse informazioni. La prima riguarda le bollette del gas che, durante l’ultimo anno, sono aumentate del 63,7% e la seconda, con un piglio di più ampio respiro, riguarda i consumi in calo. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr