Buffon: "Io vicino all'Atalanta? È vero, poi la Juve e Pirlo mi convinserò a restare"

Buffon: Io vicino all'Atalanta? È vero, poi la Juve e Pirlo mi convinserò a restare
Tutto Juve SPORT

È vero che è stato molto vicino all'Atalanta?

A Gasperini comunque voglio bene, le sue chiamate e la sua volontà di volermi a Bergamo perché secondo lui ero ancora forte per fare il titolare, mi hanno gratificato moltissimo"

Mi conoscono alla perfezione e hanno toccato determinati tasti che non mi hanno persuaso a non andare.

Ospite dell'ultima puntata di Tiki Taka, l'ex portiere della Juventus Gianluigi Buffon (ora al Parma), ripercorre le tappe della propria carriera rispondendo anche a questa domanda: "Gasperini lo sa, è successo che nel momento in cui avevo deciso di andare a Bergamo ho parlato con i dirigenti della Juve e con Pirlo che mi hanno convinto a restare. (Tutto Juve)

Se ne è parlato anche su altri giornali

A Tiki Taka, trasmissione in onda su Italia Uno, si è parlato anche della Juventus. Paolo Brosio, giornalista, è intervenuto nel corso della trasmissione Tiki Taka in onda su Italia Uno. (AreaNapoli.it)

Gianluigi Buffon, il retroscena su Maurizio Sarri. Il resto della chiacchierata con Piero Chiambretti è stata arricchita da retroscena interessanti, dal motivo della scelta di tornare alla Juventus nel 2019 dopo la stagione al Paris Saint-Germain fino al difficile ambientamento di Maurizio Sarri nel pianeta Juventus. (Virgilio Sport)

Non abbiamo vinto la Champions League perché Barcellona e Real erano più forti di noi per tre volte» Il suo commento. Gianluigi Buffon ha rilasciato una lunga intervista a Tiki Taka. (Juventus News 24)

Buffon rivela: "Sono stato vicino all'Atalanta. Juve vincente in Champions? Difficile"

E Allegri ha fatto bene a tornare perché si vede che è convinto di fare bene ed è convinto di poter incidere». Le dichiarazioni dell’ex portiere Juve. Nel suo intervento a Tiki Taka, Gianluigi Buffon ha espresso questo pensiero sull’addio di Cristiano Ronaldo alla Juve. (Juventus News 24)

E poi giustamente la vita ti castiga perché al ritorno passano Manchester e Juventus Dopo un mese, si è accorto che il tipo di lavoro che era abituato a fare avrebbe dovuto rivederlo e avrebbe dovuto cercare di mediare. (il Giornale)

Nel 2018, però, è stato anche vicino al ritiro: “A febbraio di quell’anno pensavo di smettere perché ero convinto di fare il Mondiale e chiudere un cerchio. In chiusura, un pensiero sulle possibilità di successo in Champions dei bianconeri: “La Juve nelle difficoltà si esalta e piazza dei colpi di reni che le fanno fare cose impensabili. (Quotidiano.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr