Lo stallo di Netanyahu

Lo stallo di Netanyahu
L'HuffPost ESTERI

Un ultimo aspetto da sottolineare sono le profonde modificazioni subite dal quadro internazionale, che indeboliscono Netanyahu

Netanyahu si trova in una condizione simile: il blocco di partiti che lo sostengono (il Likud con i suoi 30 seggi, i due partiti ultraortodossi con 16 e Religious Zionism con 6) totalizza 52 seggi su 120 della Knesset.

Così ora Smotrich ricambia Netanyahu impedendogli di formare il governo. (L'HuffPost)

Su altri giornali

Un evento religioso si è trasformato in tragedia in Israele. Sul monte si celebrava la festività ebraica di Lag Ba’omer che ogni anno attira migliaia di pellegrini ed è l’evento più affollato in Israele. (Ticinonews.ch)

Una vera tragedia. Una festa ebraica molto sentita in Israele. I feriti in totale accertati sono stati 50 per ora. (CheNews.it)

Certo, il Sultano era tale, come la sua fede era quella islamica e le minoranze religiose protette nella subalternità. Pragmatico come molti politici ritenuti, a torto, ideologici, i due forni di Erdogan sarebbero quello occidentale e quello orientale. (Il Fatto Quotidiano)

Israele, la festa al raduno di ebrei ultraortodossi sul Monte Meron prima del disastro: le persone saltano e…

Ci sono ancora diversi minori dispersi E’ stata indetta dal premier Benjamin Netanyahu, che si è recato sul luogo della tragedia: “Il disastro del monte Meron è uno dei più pesanti che abbiano colpito lo Stato di Israele – ha detto Netanyahu – Piangiamo le vittime, il nostro cuore è con le famiglie e con i feriti, auguriamo loro la piena guarigione”. (LaPresse)

- TEL AVIV, 30 APR - Il premier Benyamin Netanyahu ha dichiarato lutto nazionale in Israele domenica per i fatti luttuosi del Monte Meron. L'operazione veloce di salvataggio ha evitato un bilancio ancora più pesante" (ansa.it)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale. Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr