Vaccini, Lombardia prima regione italiana a raggiungere l'80% del ciclo completo

Vaccini, Lombardia prima regione italiana a raggiungere l'80% del ciclo completo
ilmessaggero.it SALUTE

Siamo la prima regione ad arrivare a questo traguardo

Oggi la #Lombardia raggiunge l’obiettivo fissato da Figliuolo dell’80% della propria popolazione con più di 12 anni con vaccinazione completa.

Lo scrive sui social Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia.

Dobbiamo continuare a impegnarci per superare questa soglia e tornare a essere liberi», aveva detto pochi giorni fa il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altre fonti

«Questo documento certifica la frattura evidente tra la vicepresidente Moratti e la gestione di Aria di cui nessuno si assume la responsabilità — commenta — ma che evidentemente investe direttamente la giunta Fontana (Corriere della Sera)

Siamo la prima regione ad arrivare a questo traguardo”: lo ha annunciato la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, esortando a continuare a vaccinarsi. (Cremonaoggi)

In Lombardia l’80 per cento degli over 12 ha completato la vaccinazione: è la prima regione d’Italia La Lombardia è la prima regione italiana che ha raggiunto il traguardo dell’80 per cento della popolazione vaccinata. (Fanpage.it)

Lombardia da record: vaccinati otto su dieci e pronti per terza dose

«Le persone - sottolinea la Asl - sono state contattate direttamente per la somministrazione del vaccino in terza dose presso l’hub vaccinale ‘ex Bosi’ di Rieti. Si tratta di pazienti che hanno subito un trapianto che avevano già completato il primo ciclo vaccinale nei mesi scorsi. (Corriere della Sera)

Una notizia appresa con grande soddisfazione dall'assessore al Welfare di Palazzo Lombardia Letizia Moratti: Anche la Lombardia è pronta a partire con la terza dose del vaccino anti-Covid. (Prima la Valtellina)

Siamo la prima regione ad arrivare a questo traguardo. «Si inizierà dai pazienti trapiantati e si proseguirà con le altre categorie di pazienti immunocompromessi, come i pazienti in chemioterapia - spiega una nota della Regione - (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr