Nucleare iraniano, Teheran chiude agli Usa sul vertice di Vienna

Nucleare iraniano, Teheran chiude agli Usa sul vertice di Vienna
IL GIORNO ESTERI

“Chiediamo che gli Stati Uniti rispettino tutti i loro obblighi e revochino tutte le sanzioni.

L’Iran chiude le porte in faccia agli Usa sull’incontro di dopodomani a Vienna: “Non avremo colloqui con gli americani, ne’ diretti ne’ indiretti.

Teheran – Atomica iraniana, il vertice non parte sotto i migliori auspici.

“Voglio anche dire che non accettiamo alcuna logica del ‘passo dopo passo’

A Vienna la delegazione statunitense dovrebbe rimanere fuori dalla sala riunioni e tenere colloqui con gli altri firmatari, ma non con l’Iran. (IL GIORNO)

La notizia riportata su altri giornali

Tuttavia, le posizioni di esportazione dell'Iran verso la Cina si sono diversificate nel tempo, con prodotti precedentemente importati dalla Cina esportati nella nazione dell'Asia orientale nell'ultimo anno solare. (Sputnik Italia)

Possibile svolta nei rapporti fra Washington e Teheran. Ma crediamo che questo sia un salutare passo avanti”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato USA Ned Price. (Money.it)

ono ripartite oggi a Vienna le consultazioni nel tentativo di salvare l'accordo internazionale sul nucleare iraniano (Jcpoa). Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha aperto a un ritorno di Washington nell'accordo del 2015, che aveva come obiettivo scongiurare che la Repubblica Islamica sviluppi armi nucleari. (la Repubblica)

Immagini satellitari potrebbero aver individuato nuova base missilistica in Iran

Domani a Vienna, una delegazione dell’amministrazione Usa parteciperà ai colloqui, sotto l'egida dell'Agenzia dell'Onu per l'Energia Atomica (AIEA), insieme con tutti i Paesi firmatari. Il capo della diplomazia UE, Josep Borrel, ha dichiarato che "l'obiettivo è un accordo per il ritorno degli Stati Uniti nei prossimi due mesi" (Vatican News)

L'amministrazione Biden ha recentemente lanciato segnali sulla volontà di riprendere l'accordo, tuttavia non è disposta a rimuovere le sanzioni come condizione preliminare, come pretesto da Teheran L'Intel Lab ha tracciato parallelismi con la base missilistica Sangnam-ni in Corea del Nord, affermando che le due strutture hanno concezioni progettuali simili, con piattaforme all'ingresso del tunnel e piazzole. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr