Previous : Mercati Asiatici – Seduta sottotono per Cina e Giappone

Previous : Mercati Asiatici – Seduta sottotono per Cina e Giappone
Il Cittadino on line ESTERI

Tornando ai listini asiatici, in Cina Shanghai cede lo 0,2% e Shenzhen viaggia sulla parità.

Il portavoce del ministero, Gao Feng, ha spiegato che la Cina ha sempre espresso opposizione all’imposizione unilaterale di dazi, di cui non beneficiano né la stessa Cina né gli Usa.

Giornata sottotono per i principali listini asiatici nonostante la seduta ben intonata di Wall Street, spinta dall’ottimismo per una ripresa economica più veloce del previsto. (Il Cittadino on line)

Ne parlano anche altre testate

Secondo la dichiarazione, due navi della marina francese sono arrivate in un porto nel sud dell’India martedì scorso. La Francia possiede alcuni territori d’oltremare negli oceani Indiano e Pacifico, dove la Cina ha cercato di aumentare la sua presenza. (China-Files)

Cookie Policy | Privacy Policy" Per informazioni dettagliate sull'utilizzo dei Cookie\u00a0e sulla nostra Privacy Policy clicca sui link seguenti. (Il Cittadino on line)

I dati sulla spesa delle famiglie pubblicati oggi hanno mostrato un calo del 6,6% a febbraio, con pasti, abbigliamento, trasporti e intrattenimento in forte calo. Per contro, ieri Wall Street ha segnato nuovi massimi, con gli investitori incoraggiati dagli ultimi dati sull'occupazione pubblicati venerdì alla chiusura delle negoziazioni (Milano Finanza)

Asia, il motore della crescita globale | WSI

Un inedito rovesciamento di ruoli tra superpotenze mondiali. Lo definisce così Federico Rampini su La Repubblica. Sarebbe quello tra Cina e Stati Uniti, neo candidati, questi ultimi, al ruolo di locomotiva mondiale (SoldiOnline.it)

Cookie Policy | Privacy Policy" Per informazioni dettagliate sull'utilizzo dei Cookie\u00a0e sulla nostra Privacy Policy clicca sui link seguenti. (Il Cittadino on line)

Non c’è da sorprendersi, se si guardano i numeri cinesi: il peso della Cina sul Pil mondiale è in costante crescita da vent’anni a questa parte. È per questo che ormai è evidente a tutti come la locomotiva della ripresa globale per i prossimi venti o trent’anni sarà l’economia asiatica. (Wall Street Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr