Green pass, Grillo vuole i tamponi gratis per i lavoratori non vaccinati

Green pass, Grillo vuole i tamponi gratis per i lavoratori non vaccinati
Orizzonte Scuola INTERNO

Green pass, Grillo vuole i tamponi gratis per i lavoratori non vaccinati Di. Beppe Grillo fa sentire la sua voce per prendere posizione in favore dei tamponi pagati dallo Stato ai lavoratori non vaccinati.

Se lo Stato decidesse, come auspicabile, di pagare i tamponi per entrare in azienda, per questi lavoratori, servirebbe circa 1 miliardo di euro fino a dicembre 2021”.

Ricordiamo che per quanto riguarda i lavoratori della scuola, chi non è vaccinato dovrà presentare il green pass generato dal tampone, con scadenza di 48 ore

“I lavoratori senza vaccino – dice Grillo – potrebbero essere 3-3,5 milioni, su 23 milioni di lavoratori, il 13%-15% circa. (Orizzonte Scuola)

Su altre fonti

Se lo Stato decidesse, come auspicabile, di pagare i tamponi per entrare in azienda, per queste persone, servirebbe circa 1 miliardo di euro fino a dicembre 2021'. Beppe Grillo interviene sul dibattito del Green pass e fa la sua proposta scritta sul suo blog. (TG La7)

"Questi lavoratori potrebbero essere individuati automaticamente attraverso uno scambio dati tra Sogei che detiene i dati sui green pass, e Inps che detiene i codici fiscali dei lavoratori e le aziende dove lavorano Grillo' - potrebbero essere 3-3,5 milioni, su 23 milioni di lavoratori, il 13%-15% circa. (AGI - Agenzia Italia)

Green pass Italia, Grillo: "Stato paghi tamponi a lavoratori"

Lo propone Beppe Grillo in un post pubblicato sul suo blog dal titolo 'Su green pass serve pacificazione'. Non tutti questi sono lavoratori: potrebbero essere disoccupati, inattivi e non occupati, almeno per i 2/3, quindi 2,5-3 milioni. (Adnkronos)

Quindi dovremmo avere 19-12-1= 6 milioni circa in età attiva. “Questi lavoratori potrebbero essere individuati automaticamente attraverso uno scambio dati tra Sogei che detiene i dati sui green pass, e Inps che detiene i codici fiscali dei lavoratori e le aziende dove lavorano (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr