Smantellata maxipiattaforma pedofila

Smantellata maxipiattaforma pedofila
RSI.ch Informazione ESTERI

La polizia tedesca ha scoperto una rete internazionale che diffondeva materiale pedopornografico sul darknet.

Stando ai primi elementi forniti lunedì mattina, la piattaforma Boystown esiste dal giugno 2019 e conta 400'000 membri (una delle più grandi al mondo).

È stata smantellata a metà aprile.

afp/mrj. TG di lunedì 03.05.2021

Boystown era usata per scambiare materiale fotografico e video di abusi di cui erano vittime principalmente dei ragazzini, alcuni dei quali giovanissimi. (RSI.ch Informazione)

La notizia riportata su altri media

Una indagine della polizia tedesca ha portato alla luce una piattaforma digitale, nascosta nel cosiddetto darkweb, usata per lo scambio di materiale pedopornografico almeno dal 2018. "La polizia non rivelerà come sia stata capace di infiltrare questa rete individuandone gli amministratori e i partecipanti. (Notizie - MSN Italia)

Per quanto riguarda l'uomo fermato in Paraguay, gli inquirenti hanno chiesto l'estradizione sulla base del mandato internazionale Gli imputati sono stati arrestati già oltre due settimane fa in seguito alla perquisizione delle loro abitazioni. (La Gazzetta di Mantova)

È quanto comunicato dall’Ufficio centrale per la lotta alla criminalità su Internet (Zit) presso la Procura di dFrancoforte sul Meno. Gli imputati, come riferisce l’emittente radiotelevisiva “Ard”, sono già stati arrestati a metà aprile, in seguito alla perquisizione delle loro abitazioni. (L'HuffPost)

Berlino smantella rete globale di 400mila pedofili

“Boystown”: una piattaforma di 400.000 membri. La piattaforma, disponibile ovviamente solo sul darkweb, aveva più di 400.000 membri e su di essa circolavano filmati e contenuti relativi a gravi abusi sessuali su bambini, anche molto piccoli. (il Mitte)

I tre amministratori della piattaforma avrebbero fornito agli utenti istruzioni di sicurezza per la navigazione anonima e per ridurre al minimo il rischio di venire scoperti. I tre sospettati che vivono in Germania sono in carcere dal 14 e 15 aprile, mentre il tedesco in Paraguay verrà estradato nel proprio Paese. (EuropaToday)

Quattro persone in manette. L’inchiesta ha portato all’arresto di quattro uomini, tutti di cittadinanza tedesca: tre amministratori della piattaforma e un utente. C’erano anche video di violenze estremamente gravi commesse su bambini anche molto piccoli, specificano gli investigatori. (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr