Evergrande non rispetta le scadenze per rimborso bond, scatta il default?

Wall Street Italia ECONOMIA

Evergrande al lavoro su ristrutturazione del debito. Come anticipato, pochi giorni fa, la società ha comunicato di voler “impegnarsi attivamente con i creditori offshore per formulare un piano di ristrutturazione praticabile dell’indebitamento offshore della società.

Anche il Partito comunista si è mobilitato, promettendo “operazioni economiche in un raggio ragionevole nel 2022”.

La sola Evergrande ha accumulato oltre 300 miliardi di dollari di passività verso banche, altri prestatori, aziende, investitori, venditori e acquirenti di case

Il che dovrebbe attivare un default incrociato sui circa 19 miliardi di dollari di obbligazioni internazionali dell’azienda, mettendo lo sviluppatore a rischio di diventare il più grande insolvente della Cina (Wall Street Italia)

Su altri media

Il colosso cinese del mattone non ha infatti rispettato la scadenza di 30 giorni sul pagamento di 82,5 milioni di dollari di cedole offshore, come lamentano diversi creditori. Il mancato onere sugli interessi oltre il cosiddetto "grace-period" fa scattare automaticamente il default da parte delle agenzie di rating. (Investing.com)

Ore di attesa per i creditori di Evergrande, ai quali non risulta essere stato effettuato alcun pagamento relativo a due cedole di altrettante obbligazioni in scadenza nella giornata di ieri. La situazione è gravissima, se è vero che le obbligazioni Evergrande sul mercato secondario si acquistino a poco più di 18 centesimi (Investire Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr