Facebook, vip esenti da regole sui post/ WSJ: software li tutela, come funziona

Facebook, vip esenti da regole sui post/ WSJ: software li tutela, come funziona
Il Sussidiario.net SCIENZA E TECNOLOGIA

Nel 2020, si legge su “The Facebook Files”, l’élite invisibile di Facebook si aggirava intorno ai sei milioni di utenti, quasi lo 0,2% del totale degli iscritti al social.

Ma tra gli oltre 3 miliardi di iscritti, a quanto pare, c’è chi gode di una tutela speciale.

Facebook tutela i vip: i casi emersi. Uno dei casi più clamorosi studiati dal Wall Street Journal nell’inchiesta “The Facebook Files” è quello accaduto al calciatore brasiliano Neymar nel 2019

Tramite il software citato in precedenza, Facebook tratta con occhio di riguardo i vip, che nonostante le violazioni delle regole per alcuni post non subiscono la rimozione o il blocco dell’account. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altri giornali

E sono molti i dipendenti della società di Zuckerberg che disapprovono una politica che - di fatto - discrimina gli utenti in base all'audience. Altro che regole valide per tutti, dai comuni mortali ai vip: anche su Facebook esiste una casta protetta, un'élite che può permettersi di dire ciò che gli pare, senza conseguenze. (il Giornale)

In quel caso il sistema non era ancora denominato XCheck e probabilmente nessuno comprese la reale portata della novità. Ma che la “legge” su Facebook non fosse poi così democratica lo si era già intuito con la sospensione del profilo di Donald Trump: giusto o meno che fosse, era stata una decisione sovrana di Facebook, senza nessun consulto con l’autorità giudiziaria (Rolling Stone Italia)

Dall’altra, tuttavia, non bisogna dimenticare di assegnare un peso anche all’importanza di una rete di supporto educativa e familiare in grado di guidare i più giovani a un utilizzo consapevole dei social network Tra i documenti interni all’azienda di Mark Zuckerberg condivisi dal Wall Street Journal figurano infatti i risultati di un’indagine, condotta a marzo del 2020, sui pericoli delle piattaforme social per gli utenti più giovani. (Tom's Hardware)

Gli studi segreti di Facebook dicono che Instagram fa male agli adolescenti. Ma il social non fa niente

Li chiamano i "Facebook Files" e stanno probabilmente facendo passare qualche notte insonne a Mark Zuckerberg. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io (elle.com)

Tutti i gruppi di controllo di uno studio interno hanno accusato il social di far crescere in loro angoscia e depressione. Gli STUDI segreti sull'impatto dei SOCIAL fanno paura. Instagram NUOCE alla SALUTE MENTALE delle RAGAZZEInstagram nuoce alla salute delle ragazze, soprattutto a quella mentale. (iLMeteo.it)

Un’altra slide mostrata internamente spiega inoltre che «gli adolescenti incolpano Instagram per l’aumento del tasso di ansia e depressione. Secondo le ricerche scovate dal WSJ, a disposizione di Facebook che non avrebbe dunque trovato un modo efficace per bilanciare questi squilibri, il problema è proprio Instagram. (Vanity Fair Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr