Ecco perché c'è il crollo degli studenti: un trend inarrestabile, che può essere un'opportunità

La Stampa INTERNO

E la notizia è che non si tratta di una sorpresa: già dal 2018 - come «voce di uno che grida nel deserto» - la Fondazione Agnelli pubblicava uno studio in cui preconizzava che nella decade successiva, quindi entro il 2028, ci sarebbe stato un milione di studenti in meno.

Rassegniamoci: la popolazione scolastica è destinata a calare, gradualmente ma inesorabilmente, da qui ai prossimi anni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati 1€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 3,50 € a settimana Attiva Ora Tutti i contenuti del sito,. (La Stampa)

Se ne è parlato anche su altri media

Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, illustrando le linee programmatiche in audizione nelle commissioni riunite Cultura di Camera e Senato. (ITALPRESS) – Occorre un “intervento sulle università per formare i docenti” e “un percorso di formazione e poi di riqualificazione” che accompagni gli insegnanti durante tutta la loro vita professionale. (BlogSicilia.it)

Abbiamo bisogno anche di più dirigenti perché hanno una funzione fondamentale, non abbiamo dato il giusto peso alla gravosità degli impegni che hanno avuto, va e andrà riconosciuto di più nel confronto contrattuale” Stiamo ragionando col Mef per capire come riconoscere titoli e merito diversi e permettere di far confluire queste persone all’interno di una visione stabile per far partire la macchina di una assunzione regolare e continua’. (Scuolainforma)

ra 10 anni ci saranno 1,4 milioni di studenti in meno. "Il Mef ci ha riconosciuto gli organici del passato e ha dato qualcosa in più - ha spiegato Bianchi - nei prossimi 10 anni avremo 1 milione e 400 mila ragazzi in meno, avremmo quindi dovuto avere tanti insegnanti in meno. (AGI - Agenzia Italia)

Scuola, Bianchi: "Recuperare diseguaglianze e investire nell'istruzione, motore del Paese"

Con l’Inps siamo riusciti ad avere per tempo le previsioni di uscita di quest’anno e dei prossimi 10 anni “Dobbiamo iniziare fin dall’estate a fare un ponte verso l’anno prossimo usando fondi già in carico al ministero, 150 milioni. (Il Fatto Quotidiano)

Se il ministro avesse sviluppato la tematica dell’autonomia scolastica, di cui si è dichiarato convinto assertore, la road map avrebbe acquisito consistenza Lettera Di. Inviato da Enrico Maranzana – Il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, presentando le linee programmatiche del suo dicastero alle commissioni cultura, ha affermato: “La scuola è il motore del paese”. (Orizzonte Scuola)

Abbiamo bisogno di prof per avere classi più piccole e aumentare il tempo scuola. E spiega: "Dobbiamo ridurre la numerosità delle classi, ridefinire il dimensionamento degli istituti ed aumentare il tempo scuola, nel principio dell'autonomia (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr