L'ARBITRO CALVARESE SI DIMETTE: VUOLE COMPRARE IL TERAMO CALCIO

L'ARBITRO CALVARESE SI DIMETTE: VUOLE COMPRARE IL TERAMO CALCIO
Più informazioni:
Certa stampa SPORT

L’ARBITRO CALVARESE SI DIMETTE: VUOLE COMPRARE IL TERAMO CALCIO. La notizia viene riportata da Repubblica.ti e dice: "Gianpaolo Calvarese non arbitrerà più in Serie A.

E invece alle porte della sua ultima stagione da arbitro del massimo campionato, ha deciso di fare un passo indietro, fermandosi.

Ma ci sarebbe anche altro: voci ricorrenti segnalano l'azienda interessata a rievare il Teramo calcio, che in questa stagione è riuscita non senza qualche difficoltà a iscriversi al campionato di Serie C (Certa stampa)

Se ne è parlato anche su altre testate

L'ultima partita diretta da Calvarese è stata Juventus-Inter, gara valida per la penultima giornata dello scorso campionato, terminata 3-2 per i bianconeri Il 45enne fischietto della sezione di Teramo, ha rassegnato le dimissioni con una lettera ai vertici dell'Aia nella quale spiega la sua decisione, irrevocabile, con motivi personali e di lavoro. (Tuttosport)

Il giornalista del Fatto Quotidiano ha pubblicato un tweet, in merito alla notizia. Non prenderà parte alla prossima stagione di Serie A, l’arbitro Gianpaolo Calvarese, della sezione di Teramo. (AreaNapoli.it)

Attualmente è impegnato nel dirigere un’azienda di famiglia che produce integratori sportivi derivati dall’apicoltura. Decisione, irrevocabile, ai piani alti dell’Associazione italiana arbitri, guidata dallo scorso febbraio da Alfredo Trentalange (Forza Parma)

ESCLUSIVO/ Calvarese: "Lascio con serenità. Il Teramo? Lo seguo da tifoso ma non è nei progetti"

Ecco il motivo. Gianpaolo Calvarese non arbitrerà più in Serie A. Ci sarebbe stato un evidente conflitto di interessi nell’allargare il mercato alla Serie A e Serie B. (CalcioMercato.it)

Sulla multinazionale ho già detto quello che penso in tutte le sedi possibili. La multinazionale non ci sta supportando nel progetto, hanno avuto un atteggiamento di chiusura totale in questi mesi ed è chiaro che non sono stati un interlocutore credibile. (LaPresse)

Una decisione condivisa con la famiglia, sicuramente sofferta, ma consapevole e presa con grande serenità, che ha spiegato nel corso di una intervista rilasciata all’emittente R115. Certo mi mancherà l’odore dell’erba di un campo che è sempre lo stesso, quello di San Siro come quello di Poggio Morello dove feci. (emmelle.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr