Wolff, Mercedes nei panni del cacciatore e Red Bull costretta a vincere

Wolff, Mercedes nei panni del cacciatore e Red Bull costretta a vincere
Autosprint.it SPORT

L'avversario lo batti in prestazione e non solo, lo batti provando a far sentire la pressione, quella che Toto Wolff sposta su Red Bull.

Red Bull migliore e costretta a vincere. "C'è la sensazione in squadra che le nuove circostanze che si sono create piacciano parecchio.

E ho detto alla squadra che sento la stessa spinta della prima volta che arrivai in Mercedes", spiega Wolff ad Autosport.

Sono, sulla carta, di una Red Bull avanti forse con l'intero pacchetto

Non accadeva dal 2013 e fu un'annata che amo, di dominio Red Bull allora. (Autosprint.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Vero à che c’è un regolamento non favorevole alla Mercedes: ci sono state azioni chiare allo scopo di farci male e io le combatterò“, le parole di Wolff Da questo punto di vista il Team Principal della Mercedes Toto Wolff ha chiarito il proprio punto di vista, come riportato da The-race. (OA Sport)

Ho sempre chiarito che un comportamento egoistico avrebbe portato alla sospensione dalle gare". Toto Wolff rivive l'accesa rivalità in Mercedes tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg tra il 2014 e il 2016: "Ho usato il pugno di ferro, non avrei mai permesso che l'ostilità tra i piloti si riversasse tra le squadra. (Sky Sport)

E George è la nuova generazione che avanza" Secondo diverse fonti a tagliare le comunicazioni è stato il 36enne di Stevenage ma non si conosce il motivo di tale decisione. (Sport Fanpage)

Toto Wolff contro McLaren e Red Bull: “Brown e Horner capaci solo di spargere me**a”

I grandi piloti percepiscono subito quando arriva qualcuno di nuovo con talento”, ha dichiarato il manager austriaco in una intervista a Sport 24 ewis Hamilton e George Russell rappresentano presente e, quasi certamente, il futuro della Mercedes in Formula 1. (Corriere dello Sport.it)

lo fa ai microfoni di Motorsport sottolineando come non ricordi quel periodo con felicità: "Nessuno tirò fuori il massimo perché c'era un'aria molto negativa. Quando ci si riuniva c'era troppa tensione, i due si odiavano, erano ostili uno all'altro. (F1-News.eu)

Al team principal della Mercedes Toto Wolff non sono andate giù le dichiarazioni dei colleghi riguardo al futuro dei piloti della scuderia anglo-tedesca. Parole dure quelle pronunciate dunque da Toto Wolff che in un'altra intervista, rilasciata al magazine britannico The Race, a proposito dei rapporti con gli altri nel paddock della Formula 1 aveva detto: "La disonestà è un'offesa personale. (Sport Fanpage)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr