AIA, l’arbitro Calvarese si dimette per motivi di lavoro

AIA, l’arbitro Calvarese si dimette per motivi di lavoro
Calcio In Pillole SPORT

L’ultima partita arbitrata da Gianpaolo Calvarese, è stata la tanto discussa Juventus-Inter dell’ultima stagione

La squadra dell’AIA continua a perdere pezzi.

L’azienda che produce integratori sportivi derivati dall’apicoltura, si trova nella Val Vomano, in provincia di Teramo, è quindi la causa di questa decisione.

Dopo 157 partite dirette sul campo da gioco, Gianpaolo Calvarese si dimette per motivi legati alla sua attività imprenditoriale. (Calcio In Pillole)

La notizia riportata su altri giornali

L'impossibilità, per evidente conflitto di interessi, di allargare il mercato alla Serie A e alla Serie B ha spinto Calvarese a prendere questa decisione dopo 157 partite dirette nel massimo campionato. (Sky Sport)

Alla base della decisione l'impossibilità - per evidente conflitto di interesse - di allargare il mercato a club di serie A e B. Secondo quanto riportato da SkySport, l'ormai ex arbitro dirige un'azienda di famiglia nella Val Vomano, in provincia di Teramo, che produce integratori sportivi derivati dall'apicoltura. (Milan News)

Arriva l'inaspettata decisione delle dimissioni da parte dell'arbitro Calvarese all'Aia per motivi legati a un'attività di famiglia che produce integratori sportivi. (Spazio Napoli)

Sky: AIA, Gianpaolo Calvarese si è dimesso per motivi di lavoro

Ora il designatore Rocchi ha a disposizione solamente 48 arbitri, invece di 51, viste anche le squalifiche di La Penna e Pasqua, per la vicenda della presunta alterazione dei rimborsi. A riportare la notizia è la redazione di Sky Sport (Tutto Napoli)

Per Calvarese ora c'è l'azienda di famiglia nella Val Vomano, in provincia di Teramo, che produce integratori sportivi derivati dall'apicoltura L'arbitro Calvarese si è dimesso e dunque la sua ultima partita in Serie A resta la famosa Juventus-Inter in cui ha concesso un rigore inesistente ai bianconeri. (AreaNapoli.it)

Ora Rocchi ha a disposizione solamente 48 arbitri, invece di 51 (considerate anche le squalifiche di La Penna e Pasqua) Con questa defezione si riduce a 48 il numero di arbitri di A e B a disposizione di Gianluca Rocchi. (Fiorentina.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr