L'uomo di 60 anni morto poche ore dopo il vaccino in provincia di Firenze

L'uomo di 60 anni morto poche ore dopo il vaccino in provincia di Firenze
LA NOTIZIA INTERNO

L’uomo di 60 anni morto sei ore dopo il vaccino. L’uomo, che aveva subìto l’asportazione di un rene lo scorso anno, si era sentito male in casa nel tardo pomeriggio del 2 aprile scorso.

L’uomo è deceduto in seguito a un malore accusato poche ore dopo aver ricevuto il vaccino, in quanto persona estremamente fragile, all’ospedale di Empoli (Firenze).

Sarà eseguita l’autopsia per chiarire le cause che hanno portato alla morte lo scorso venerdì di un sessantenne di Fucecchio in provincia di Firenze. (LA NOTIZIA)

Su altre testate

Questa settimana, continua Cavaleri, “inizieremo a dare delle definizioni preliminari, ma difficilmente arriveremo a indicare dei limiti di età come hanno fatto vari Paesi”. “Nelle prossime ore diremo che il collegamento c’è“, chiarisce il responsabile vaccini dell’Ema al quotidiano romano, ma “come questo avviene però dobbiamo ancora capirlo. (Il Fatto Quotidiano)

Il disastro comunicativo e le decisioni di altri Paesi stanno determinando una situazione di crollo nelle somministrazioni di tale vaccino. Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, lancia un appello al Governo sul vaccino AstraZeneca. (NapoliToday)

Innanzitutto chiediamo scusa a chi è stato emotivamente coinvolto. Gli è stato inoculato il vaccino, non è Astrazeneca e la Magistratura ha deciso di aprire un fascicolo per vederci chiaro (Acrinews.it)

AstraZeneca: Pregliasco, rare le trombosi, in attesa dell'Ema

E' la direzione dell'ospedale genovese a comunicarlo. Erano stati i parenti ad allertare i soccorsi ieri, poco dopo mezzogiorno: la donna aveva accusato un malessere venerdì sera (cefalea e nausea), Sono stati gli stessi parenti a raccontare che l'insegnante aveva ricevuto il 22 marzo il vaccino AstraZeneca. (La Repubblica)

C'è poi un terzo motivo che, forse, è quello che preoccupa di piú: la sfiducia nei confronti di Astrazeneca Vaccini, in Europa in arrivo nuove limitazioni ad AstraZeneca. (Zazoom Blog)

Sara’ assolutamente necessario indagare, ma, ad oggi, le cifre sono davvero irrisorie, per cui rendono i benefici nettamente superiori ai potenziali rischi”. Lo spiega all’AGI Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano e virologo presso l’Universita’ degli Studi di Milano, commentando la rarissima forma di trombosi del seno venoso cerebrale osservata in alcuni pazienti a seguito della vaccinazione con AstraZeneca (Salernonotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr