Allarme peste suina in Lombardia: Regione attiva una task force

Allarme peste suina in Lombardia: Regione attiva una task force
Fanpage.it INTERNO

Così Regione Lombardia ha attivato una Unità di crisi che si è riunita con la presenza dell'assessore all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi.

Che poi aggiunge: "La peste suina rappresenta un disastro per l'export di un comparto strategico come quello dei suini

Possono essere fonte di contagio da peste suina.

Allarme peste suina in Lombardia: Regione attiva una task force Regione Lombardia ha attivato una task force per prevenire i contagi da peste suina. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altre fonti

2 Articoli rimanenti Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito 1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi Attiva Ora Sei già abbonato? Insomma, agricoltori e cittadini non possono più aspettare che si risolva un problema le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti (La Provincia Pavese)

Peste suina: non pericolosa per l’uomo ma solo per i suini. Proprio nelle ultime ore è stato segnalato un ulteriore caso di peste suina africana sul territorio piemontese. (Torino Top News)

Come già per l’epidemia, anche in questo caso riteniamo sia nostro dovere di cittadini contribuire allo sforzo comune, mettendo a disposizione il bagaglio di esperienza e professionalità proprie della nostra attività. (Armi e Tiro)

Peste suina africana, Coldiretti Novara-Vco chiede alla Regione un tavolo permanente

In Piemonte e in Liguria sono stati scoperti i primi focolai di peste suina ed ad essere più in allerta sono i territori in cui sono più presenti animali selvatici come i cinghiali. Coldiretti ravvisa inoltre la necessità di avviare iniziative comuni a livello europeo perché è dalla fragilità dei confini naturali del nostro Paese che dipende l’elevato rischio di un afflusso non controllato di esemplari portatori di peste (VeronaSera)

Se il contagio dovesse allargarsi insomma, sottolinea Campostrini, ci sarebbe sicuramente “un impatto sul prezzo della carne” a livello nazionale. La peste suina africana può essere veicolata anche dagli alimenti infetti e addirittura dai predatori che si cibano della carne di un animale contagiato” (il Dolomiti)

I casi accertati di Peste Suina Africana rappresentano un forte pericolo per il comparto suinicolo e stanno generando una fase estremamente delicata in cui è necessario dare le giuste comunicazioni, in maniera puntuale ed immediata, alle imprese". (Ossola24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr