'Ndrangheta, "Vulcano": eseguiti tre ordini di carcerazione

'Ndrangheta, Vulcano: eseguiti tre ordini di carcerazione
Corriere della Calabria INTERNO

di Reggio Calabria.

finanzieri del Gico/Sez.

Martinone, su mandato di Michele Zito, avrebbero dovuto danneggiare un’attività commerciale di Gioia Tauro

Marchese si è presentato spontaneamente presso la Stazione dei Carabinieri di Gioia Tauro, i quali hanno proceduto al suo arresto unitamente ai militari del G.O.A.

(Corriere della Calabria)

Se ne è parlato anche su altre testate

Martinone, su mandato di Michele Zito, avrebbero dovuto danneggiare un’attività commerciale sita in Gioia Tauro (RC) di Reggio Calabria;. – Francesco Ferraro, uomo di fiducia di Antonino Pesce cl. (ZMedia)

I beni erano stati sequestrati nel febbraio 2019. Reggio Calabria - Beni mobili e immobili per oltre 20 milioni di euro sono stati confiscati all'imprenditore reggino Emilio Angelo Frascati ritenuto in rapporti di stretta vicinanza con la 'ndrangheta dalla Dda guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri. (Il Lametino)

Con il medesimo provvedimento il tribunale ha applicato nei confronti di Angelo Emilio Frascatu la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno per la durata di anni 3 e mesi 6. (LaC news24)

'Ndrangheta, confiscati beni per oltre 20 milioni a imprenditore vicino alla cosca Libri

Tra i beni confiscati ci sono 8 aziende nei settori della grande distribuzione alimentare, del commercio automezzi, delle costruzioni ed immobiliare. I beni erano stati sequestrati nel febbraio 2019. (ZMedia)

Martinone, su mandato di Michele Zito, avrebbero dovuto danneggiare un’attività commerciale sita in Gioia Tauro (RC) del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria con il coordinamento del Procuratore Capo della Direzione Distrettuale Antimafia, dott. (Stretto web)

La confisca consegue al sequestro dei medesimi beni operato nel febbraio 2019 a seguito di una proposta formulata dal Direttore della Dia nel contesto di attività investigativa coordinata dal Procuratore Distrettuale della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri. (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr