WhatsApp, nuova minaccia per San Valentino

WhatsApp, nuova minaccia per San Valentino
Adnkronos Adnkronos (Scienza e tecnologia)

Molto spesso, infatti, si nascondono truffe o virus che potrebbero compromettere il funzionamento di applicazioni o dispositivi tecnologici.

L’ultima truffa architettata e diffusa sulla nota app di messaggistica è apparsa proprio a pochi giorni dalla festa degli innamorati ed è stata denominata 'virus di San Valentino'.

Su altre fonti

Questo aiuta a prevenire l'accesso al tuo account WhatsApp in caso di furto della scheda SIM o nel caso in cui il numero di telefono venga compromesso. Se l'impostazione di aggiornamento automatico non è attivata sul telefono, è necessario aggiornare manualmente WhatsApp accedendo all'app store, cercando WhatsApp e cliccando "aggiorna". (Leggo.it)

L'ennesima truffa online porta il nome di "virus di San Valentino" e circola su Whatsapp. Solitamente viene chiesto a chi riceve il messaggio di cliccare sul codice, inviandolo via sms, oppure inoltrandolo ai propri contatti. (Il Messaggero)

Solitamente viene chiesto a chi riceve il messaggio di cliccare sul codice, inviandolo via sms, oppure inoltrandolo ai propri contatti. Cliccando sul codice, si dà la possibilità a chi ha creato il virus di accedere al proprio smartphone, regalandogli di fatto tutti i propri dati sensibili. (Il Gazzettino)

Lo si legge bene nel comunicato con cui WhatsApp annuncia di aver raggiunto quota due miliardi di utenti. Ci aveva visto bene Facebook, quando nel 2014 aveva comprato l’app per 19 miliardi di dollari. Sicurezza. (Open)

WhatsApp festeggia oggi un traguardo importante. E così, sulla base dell’annuncio odierno, anche WhatsApp ora fa parte dell’elite delle app con oltre due miliardi di utenti. Comunque, un traguardo importante per WhatsApp e per l’azienda stessa che, ancora oggi, dimostra ancora una volta di non avere rivali sul mercato. (TuttoAndroid.net)

"Ogni messaggio privato inviato tramite WhatsApp è protetto con la crittografia end-to-end per impostazione predefinita - aggiunge -. "Le conversazioni private che una volta erano possibili solo di persona, possono ora avvenire su grandi distanze attraverso chat istantanee e videochiamate. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti