Il procuratore Salvi: sanzioni disciplinari

Il procuratore Salvi: sanzioni disciplinari
il Giornale INTERNO

Fatto che non alimenta certo la fiducia dei magistrati e di tutti i cittadini nel loro organo di autogoverno.

Su Storari: «Se un magistrato lamenta delle scorrettezze, ha una strada molto chiara, scrive al Csm, anche in chiave di autotutela».

Se ambedue non hanno seguito la via maestra, vuol dire che la fiducia nel Csm è vicina allo zero

Cosa che Storari non ha fatto, anche se Davigo dice di aver informato «chi di dovere» pare informalmente. (il Giornale)

Ne parlano anche altre fonti

Il presidente della Repubblica giovedì torna al Csm che presiede di diritto, lo stesso Csm di cui era membro Davigo all'epoca dei fatti, inizio 2020. 03 maggio 2021 a. a. a. Il caso dei verbali secretati dalla Procura di Milano, consegnati all'ex pm Piercamillo Davigo e poi finiti nelle redazioni dei giornali sfiora, inevitabilmente, anche Sergio Mattarella. (Liberoquotidiano.it)

Se dovessero emergere delle irregolarità, trasmetterà le sue osservazioni e i suoi rilievi al Pg della Cassazione Giovanni Salvi che valuterà insieme al ministero della Giustizia se avviare un’azione disciplinare Verbali che, dopo quella che aveva ritenuto una lentezza eccessiva nelle indagini, il pm Paolo Storari ha deciso di consegnare all’allora consigliere del Csm Piercamillo Davigo (LaPresse)

Caro Piercamillo Davigo, mi scusi se oso disturbarla: non sono avvezzo a frequentare le sacre stanze della giustizia, ove ella detta legge da decenni, per cui non ci siamo mai incontrati. Non ho mai avuto modo di occuparmi di lei, né lei ha avuto modo di occuparsi di me, e quest'ultima per la verità (La Verità)

Csm, telefonata Cartabia-Salvi: Pg valuterà iniziative disciplinari

Amara è stato interrogato a più riprese dai magistrati di Milano e già due volte da quelli di Perugia guidati dal procuratore Raffaele Cantone. (Imola Oggi)

I verbali spediti dal “corvo” del Csm ai giornali sarebbero passati anche per le mani di David Ermini, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, nel maggio 2020. E non solo: a maggio 2020 venne informato anche il presidente della Cassazione Pietro Curzio. (Il Dubbio)

Roma, 4 mag. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr