Scuola, nuova ordinanza regionale: Ddi ripristinata fino al 14 marzo

Scuola, nuova ordinanza regionale: Ddi ripristinata fino al 14 marzo
BrindisiReport INTERNO

Tale limite rimane invece nelle scuole superiori.

Il punto due dell’ordinanza dispone che “le scuole dell’infanzia, le istituzioni scolastiche del ciclo primario e i Cpia ammettano in presenza tutti gli alunni che, per ragioni non diversamente affrontabili, non abbiano la possibilità di partecipare alla didattica digitale integrata”.

All’ordinanza è allegato il piano vaccinale degli operatori scolastici

Nelle scuole superiori, invece, la didattica in presenza sarà ammissibile nel limite del 50 percento della popolazione scolastica, “possibilmente per ogni singola classe”. (BrindisiReport)

Ne parlano anche altre testate

Saranno apportate solo piccole modifiche che spero non incideranno troppo sull’assetto organizzativo che le scuole si erano già date per affrontare le prossime due settimane. È stata sospesa una mia ordinanza finalizzata a salvaguardare la vita del personale della scuola in vista dell’esplosione della pericolosa “variante inglese”. (La Voce di Manduria)

Cerco comunque di spiegare cosa sta succedendo. Il governatore pugliese,corre ai ripari dopo l'ordinanza delche ha sospeso l'ordinanza con cui aveva chiuso tutte le scuole di ogni ordine e grado per consentire ildel personale scolastico. (BitontoViva)

Tale sospensione della didattica in presenza era stata richiesta unanimemente da tutti i sindacati dalla stragrande maggioranza delle famiglie, sul presupposto del pericolo che un'insufficienza della prevenzione di infortuni sul lavoro da parte delle scuole, potesse pregiudicare la vita e la salute del personale scolastico non ancora vaccinato. (BisceglieViva)

Did per tutti "salvo ragioni non diversamente affrontabili". Il testo integrale della nuova ordinanza di Emiliano sulla scuola

SCUOLA PUGLIA, APPROCCIO REGIONE SBAGLIATO. L’approccio “chiudo le scuole in attesa del vaccino”, dunque, non va bene La Puglia “non motiva a sufficienza- si legge nel dispositivo – il sensibile scostamento dal livello nazionale di garanzia dell’assolvimento dei servizi scolastici”. (Oggi Scuola)

Lo dichiara il presidente della Regione, Michele Emiliano in risposta alla sospensione della sua direttiva da parte del Tar di Bari sul ricorso di un'associazione dei consumatori. Saranno apportate solo piccole modifiche che spero non incideranno troppo sull’assetto organizzativo che le scuole si erano già date per affrontare le prossime due settimane». (LecceSette)

Per licei, tecnici e professionali la soglia resta, ma d’altronde anche il decreto del presidente Conte valido fino al 5 marzo ne prevede uno. Dopo la decisione del Tar che ha annullato il testo precedente, il governatore ha apportato alcune modifiche. (l'Immediato)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr