Il braccio di ferro nella Ue sul calcolo del costo dell'energia

AGI - Agenzia Giornalistica Italia ESTERI

Non mi sembra che ci sia tutto questo funzionamento del sistema che ci protegge come cittadini europei: c'è uno spread del costo dell'energia che è molto grande.

La partita si gioca sulla strategia su come affrontare l'impennata dei prezzi dell'energia con il conseguente caro-bollette.

Abbiamo bisogno di un approccio più strategico e coordinato", ha aggiunto, accogliendo di fatto la proposta del gruppo meridionale

Nella sostanza, chiedono di non considerare più il prezzo del gas come elemento per definire il prezzo dell'elettricità e adottare un metodo che possa prevedere, ad esempio, il costo medio di tutte le fonti che compongono l'elettricità. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Ne parlano anche altre fonti

Al Consiglio Ue, chiuso con un niente di fatto, i Paesi del Mediterraneo hanno chiesto di cambiare le regole e spinto l’atomo. Mentre quelli del Nord hanno difeso la svolta verde. Lunedì decisione della Commissione. (La Verità)

Venerdì 3 Dicembre 2021, 06:59. Sui rincari in bolletta in Europa è ancora nord contro sud. Nella bozza di testo su cui stanno lavorando i servizi della Commissione c'è anche «l'approvvigionamento congiunto di stock strategici di gas», ha assicurato ieri Simson (Il Messaggero)

Rafforzare la tutela dei consumatori contro la fluttuazione dei prezzi e iniziare subito i lavori per adattare il funzionamento del mercato Ue dell'energia agli obiettivi 2030. Con questo schema, messo nero su bianco in due distinti documenti, si apre questa mattina il Consiglio Ue dei ministri dell'energia: sul tavolo il caldissimo dossier della crisi dei prezzi energetici, che continua a non affievolirsi. (La Provincia Pavese)

Tali tendenze, stima l'Unione nazionale consumatori, determineranno maggiori spese per 820-870 euro a famiglia. Secondo Nomisma, dal primo gennaio 2022 le bollette del gas sono destinate ad aumentare del 50%, mentre quelle dell'elettricità segneranno un rialzo compreso nell'intervallo 17-25 per cento. (il Giornale)

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Claudia Cristoferi, michela. Un tetto ai prezzi o il passaggio a un sistema diverso per determinare i prezzi nazionali dell’energia potrebbero scoraggiare il commercio dell’elettricità tra Paesi e mettere a rischio gli incentivi per l’integrazione nel sistema di energie rinnovabili a basso costo, secondo la Germania e altri Paesi. (FX Empire Italy)

Le divisioni si sono cristallizzate in due documenti con diverse ricette su come attenuare le impennate dei prezzi del gas e i loro impatti sulle bollette, senza che il Consiglio sia riuscito […]. Potrebbe interessarti anche: (Qualenergia.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr