Assalto alla Cgil: 5 nuove misure cautelari per la guerriglia del 9 ottobre

Assalto alla Cgil: 5 nuove misure cautelari per la guerriglia del 9 ottobre
Approfondimenti:
RomaToday INTERNO

Ad incastrarli diversi video che li ritraevano assieme ad altre persone mentre facevano irruzione nei locali di corso Italia.

VIDEO | L'assalto alla sede della Cgil. A seguito del vaglio degli elementi raccolti, il gip ha ritenuto necessaria l’emissione della misura degli arresti domiciliari nei confronti del responsabile catanese del movimento Forza Nuova e di un appartenente ai movimenti cosiddetti No green pass. (RomaToday)

Ne parlano anche altri giornali

Il procuratore capo Michele Prestipino e il suo sostituto Gianfederica Dito hanno iscritto i nuovi nomi (sui quali c’è massimo riserbo) sul registro degli indagati. Ma anche una tela per restaurare la quale c’è già una disponibilità da parte del ministero dei Beni culturali (Corriere della Sera)

Le altre misure riguardano due romani incensurati, sottoposti all'obbligo di firma e un bolognese per il quale il gip ha disposto l'obbligo di dimora. C'e' anche Giuseppe Bonanno Conti, leader catanese di Forza Nuova, tra le persone finite agli arresti domiciliari nella nuova tranche di misure legate all'assalto della sede della Cgil. (CataniaToday)

Le misure cautelari sono complessivamente cinque. L’esecuzione di una serie di misure cautelari per l’assalto alla Cgil è in corso in queste ore. (Open)

Il genovese "No Green Pass" che ha assaltato la Cgil: "Calci pugni e bastonate a chi difendeva la sede del partito"

Il 2 marzo il processo per l'assalto alla Cgil. Il processo nei confronti degli arrestati si svolgerà il prossimo 2 marzo 2022 Si tratta dei leader di Forza Nuova Roberto Fiore e Giuliano Castellino, Luigi Aronica, Salvatore Lubrano, Pamela Testa, Francesco Bellavista, Roberto Borra, Luca Castellini, Fabio Corradetti, Lorenzo Franceschi, Massimiliano Petri, Federico Trocino e Massimiliano Ursino. (Fanpage.it)

- ROMA, 14 GEN - Cinque misure cautelari sono state emesse dal Gip di Roma nell'ambito delle indagini sull'assalto alla sede della Cgil della Capitale avvenuto il 9 ottobre scorso. Due degli indagati sono stati posti agli arresti domiciliari mentre per altri tre è stato disposto l'obbligo di dimora. (Ansa)

Il genovese "No Green Pass" che ha assaltato la Cgil: "Calci pugni e bastonate a chi difendeva la sede del partito" di Marco Lignana. L'arresto eseguito questa mattina: Andrea Savaia, 53 anni, ha partecipato all'attacco alla sede del sindacato dello scorso 9 ottobre: "Elevata pericolosità" (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr