Capone (Ugl): aumento vertiginoso di dimissioni tra gli infermieri

Capone (Ugl): aumento vertiginoso di dimissioni tra gli infermieri
Sardegna Reporter ECONOMIA

Nel 2021 le dimissioni volontarie nel settore sanitario sono salite del 44% rispetto al 2020.

“La pandemia dovrebbe averci insegnato l’importanza fondamentale del sistema sanitario, pilastro della società, che ci garantisce il bene primario: la salute.

Valorizzando adeguatamente dal punto di vita economico e del trattamento lavoratori tanto essenziali per tutta la comunità.

A farne le spese, oltre agli infermieri stessi, anche i pazienti”. (Sardegna Reporter)

Su altre testate

A causa della fiammata del prezzo del grano e dell’aumento della bolletta energetica. Tra giugno e oggi, il prezzo del grano alla borsa di Foggia è cresciuto del 90%. (Open)

L’avvertimento di Divella. Nel corso dell’intervista, Vincenzo Divella non ha escluso ulteriori rincari per la pasta, una specialità iconica italiana: “I prezzi potrebbero aumentare di nuovo Nello specifico, l’allarme, lanciato da Vincenzo Divella, amministratore delegato dell’omonimo gruppo pugliese, riguarda il rincaro dei prezzi. (inItalia)

Tra giugno e oggi, il prezzo del grano alla borsa di Foggia è cresciuto del 90%. Intervistato da il Sole 24 Ore, spiega come i primi 30 centesimi siano stati chiesti dopo l'estate per far fronte all'aumento vertiginoso del costo del grano. (ilGiornale.it)

Pasta: rincari fino al 40%. E l’impennata non è finita

“Ci vuole una seria politica rivolta ai fondi assicurativi e le enoteche regionali devono essere maggiormente valorizzate” ha ribadito Bertolotto C’è poi grande interesse per le produzioni tipiche e biologiche, dal momento che in Piemonte si contano 51 varietà orticole. (Torino Top News)

Ma nel 2022 alcune industrie hanno già anticipato alla Gdo che nel corso dei prossimi mesi ci saranno altri rincari dei listini motivati dagli aumenti sulle piazze internazionali L'aumento del prezzo del grano e il caro-bolletta si fanno sentire nella spesa di tutti i giorni degli italiani. (Today.it)

Un chilo di pasta, che a settembre la grande distribuzione comprava a 1,10 euro, ora ne costa 1,40. L’impennata dei prezzi non risparmia la pasta, che negli ultimi mesi ha subito rincari del 38%. (Wall Street Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr