700 anni fa moriva Dante Alighieri, omaggio al Sommo Poeta questa sera a Tagliacozzo

700 anni fa moriva Dante Alighieri, omaggio al Sommo Poeta questa sera a Tagliacozzo
Terre Marsicane CULTURA E SPETTACOLO

Tagliacozzo – Esattamente 700 anni fa, nella notte tra il 13 e il 14 settembre 1321, moriva a Ravenna il Sommo Poeta DANTE ALIGHIERI, padre della Lingua italiana, che al XXVIII Canto dell’Inferno volle citare la nostra Tagliacozzo, unica Città d’Abruzzo ad essere nominata nella Divina Commedia, dandole fama imperitura!

Con letture sceniche di Oriana Cardaci e Diego Colaiori, con intermezzi musicali di Mozart – Dies Irae e Listz – Dante Simphonie. (Terre Marsicane)

Su altre fonti

E’ come se a noi fosse concesso di entrare dentro a una realtà virtuale, ma entrarci davvero Dante vuole vedere tutto, conoscere ogni cosa, trasformarsi addirittura perché solo così, sono parole sue,un artista può disegnare e raccontare il mondo. (RavennaToday)

Per poter visualizzare questo contenuto Instagram, clicca su Gestisci cookie e Accetta tutto Gestisci cookie Al tramonto, la sua città natale offrirà al Sommo Poeta un grande omaggio in una ricca serata all’insegna della cultura. (Sky Tg24 )

Il primo passo nella selva oscura — che il «Corriere della Sera», in collaborazione con Einaudi Ragazzi, lunedì 13 settembre, giorno della morte di Dante, manda in edicola, dove resterà per un mese (il costo è di e 12,90 più il prezzo del quotidiano). (Corriere della Sera)

L'omaggio della città a Dante Alighieri a 700 anni dalla sua morte, riconoscimenti a quanti hanno promosso il territorio

«Michael Mazur e Robert Pinsky realizzarono insieme due “traduzioni” parallele dell’Inferno di Dante, l’una visiva e l’altra letteraria», racconta Ceil Friedman. Protagonista sarà l’Inferno di Dante nella traduzione del poeta statunitense Robert Pinsky con l’eccezionale proiezione delle illustrazioni di Michael Mazur, gentilmente concesse dal Museum of Fine Arts di Boston. (VeronaSera)

Certo è che l’influenza di Dante Alighieri sulla lingua italiana e sulla nostra cultura in generale, è forte ancora oggi. Le sue spoglie vennero nascoste per timore che i fiorentini le trafugassero per riportarle a Firenze, città natale del poeta. (LA NAZIONE)

Ieri, la serata di gala che si è svolta a ridosso della casa natale di Luigi Pirandello con i riconoscimenti che la società “Dante Alighieri” e il Comune di Agrigento hanno tributato a quanti, nell'anno delle celebrazioni, si sono spesi nella divulgazione dell'opera del sommo poeta. (AgrigentoNotizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr