La sanità dell’Umbria piange il dottor Giulio Tazza: “Esempio di dedizione, cortesia e professionalità”

La sanità dell’Umbria piange il dottor Giulio Tazza: “Esempio di dedizione, cortesia e professionalità”
TerniToday SALUTE

I colleghi raggiunti dalla triste notizia lo ricordano come uomo di grandi doti umane e qualità professionali che lascia un vuoto importante e un’impronta significativa nella sanità regionale.

A nome di tutta l’azienda sanitaria Usl Umbria 2 e dei tanti colleghi, il direttore generale della Usl Umbria 2, Massimo De Fino, il direttore sanitario dottor Camillo Giammartino, il direttore amministrativo dottor Piero Carsili, il direttore del presidio ospedaliero di Spoleto dottoressa Orietta Rossi, la responsabile della struttura di terapia intensiva del San Matteo degli Infermi dottoressa Marina Vissani e tutto lo staff che ha lavorato al suo fianco in tanti anni di attività professionale, colpiti da questa triste notizia, nel ricordare il prezioso operato di un illustre e stimato professionista, si stringono con affetto intorno ai familiari e alle tante persone che gli hanno voluto bene

Lo stimato professionista, in pensione dallo scorso mese di gennaio, è deceduto nella propria abitazione di morte improvvisa. (TerniToday)

Su altri media

Una festa che ha attirato l’attenzione dei vicini e, poi, quella delle forze dell’ordine. I fatti sono avvenuti in un appartamento di via del Macello, dive era in corso la festa di matrimonio di una coppia di stranieri. (PerugiaToday)

Si sottolinea come sia centrale in questo momento di emergenza il rispetto delle misure previste affinché si ritorni alle consuete attività sociali nel più breve tempo possibile Le violazioni riscontrate soprattutto in orario notturno. (Spoleto Online)

Lo stimato professionista, in pensione dallo scorso mese di gennaio, è deceduto nella propria abitazione di morte improvvisa. I colleghi raggiunti dalla triste notizia lo ricordano come uomo di grandi doti umane e qualità professionali che lascia un vuoto importante e un’impronta significativa nella sanità regionale (Umbria Journal il sito degli umbri)

Covid, arrivano in Umbria dalla Lombardia 19 medici e infermieri con Bertolaso

E’ già operativo da questa mattina, 22 febbraio, nei reparti Covid dell’ospedale “San Matteo degli Infermi”, il contigente di sanitari provenienti dalla Lombardia che supporterà il lavoro dei professionisti umbri nella gestione dei pazienti positivi alla Sars CoV-2. (TuttOggi)

Giulio Tazza, dopo una carriera di soddisfazioni, da professionista stimatissimo e appezzatissimo per la sua umanità, era andato in pensione lo scorso mese di gennaio. Per anni era stato primario della Struttura complessa di Anestesia, rianimazione e terapia antalgica dell’ospedale spoletino. (LA NAZIONE)

A Spoleto 2 rianimatori, un medico pneumologo e due infermieri Umbria, il direttore della sanità regionale: "Qui le varianti hanno sostituito il Sars-Cov2". Nessun dubbio, nonostante l'alto rischio, come racconta l'infermiera intervistata dal Tg1. (Corriere dell'Umbria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr