Donini (Regioni): “Pronti al confronto. Studi medici sono una ricchezza ma serve integrazione”

Quotidiano Sanità SALUTE

Studi medici sono una ricchezza ma serve integrazione”. 07 OTT - “C’è la mia totale disponibilità ad un confronto a tutto tondo rispetto all’obiettivo di migliorare la medicina territoriale.

Donini (Regioni): “Pronti al confronto.

È quanto ha affermato Raffaele Donini, assessore alla sanità dell’Emilia Romagna e coordinatore della commissione Salute delle Regioni nel suo intervento al 78° Congresso Fimmg in corso a Villasimius (Quotidiano Sanità)

La notizia riportata su altre testate

La questione importante è un’altra: il modo in cui inserire ”il lavoro del medico di medicina generale dentro una riforma del territorio”. Infine, “proprio in vista di tutti questi compiti che attendono i medici, credo nel valore di una casa comune previdenziale che accolga tutti i medici, anche relativamente al reddito da lavoro dipendente (Fortune Italia)

Se la sanità pubblica, avverte infatti Scotti, "continua ad essere marginalizzata perché le procedure, la programmazione e gli interventi non sono coerenti con i reali bisogni di assistenza sanitaria, emerge sempre di più la nuova sanità 'sostitutiva' fatta di committenza, assicurazioni, fondi sanitari" Ciò perchè i medici "sono stanchi, arrabbiati e sfiduciati per l'assenza di ascolto". (Giornale di Sicilia)

“Su queste basi FIMMG è pronta ad andare avanti e a confermare, a chi avesse dubbi, che la Convenzione è l’atto da cui tutti i medici di medicina generale si debbano sentire dipendenti e che quindi si chiarisca quello che è esigibile ma si chiariscano anche quelle che sono le responsabilità e le tutele di chi ha la governance. (Panorama della Sanità)

Per il segretario nazionale “il sistema oggi congegnato del medico single practice di medicina generale è vecchio e inadeguato, e impedisce qualsiasi possibilità di cambiamento”. (Panorama della Sanità)

"In queste ore la comunità di Sarteano è molto preoccupata per la questione dei medici di medicina generale. Secondo: in questi casi la Asl deve comunicare prima e per tempo, in modo capillare e diretto, eventuali cessazioni o modifiche del servizio, dando opportune indicazioni ai cittadini (SienaFree.it)

A partire dal primo ottobre la dottoressa Eleonora Canestrelli è passata da incarico provvisorio a incarico definitivo di medico di medicina generale con ambulatorio a Sarteano: per tutti gli assistiti seguiti da lei è comunque necessario effettuare la propria scelta. (RadioSienaTv)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr