30enne si sveglia dal coma e chiama mamma/ Cristina Rosi apre gli occhi dopo 11 mesi

30enne si sveglia dal coma e chiama mamma/ Cristina Rosi apre gli occhi dopo 11 mesi
Il Sussidiario.net INTERNO

Tra dieci giorni sarà il compleanno di Cristina e speriamo il primo del suo lento ritorno alla normalità”.

È una storia a lieto fine, di quelle che purtroppo non si ascoltano con così tanta frequenza, quella della 30enne di Arezzo Cristina Rosi, risvegliatasi dal coma dopo undici mesi e subito capace di pronunciare per tre volte consecutive la parola “mamma”.

. SAMAN ABBAS/ E matrimoni combinati: una generazione da proteggere, partendo da noi

Nel frattempo, è stata aperta una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe per provvedere alla riabilitazione di Cristina e della piccola Caterina, che necessita di assistenza continua, tanto di giorno quanto di notte. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altre testate

La donna si è risvegliata e ha pronunciato per tre volte una parola molto significativa: «Mamma» Poi, due mesi fa, il trasferimento in una clinica di eccellenza a Innsbruck, un fatto reso possibile dalle tante donazioni ricevute grazie a una campagna di crowdfounding. (vistanet)

Era al settimo mese di gravidanza e i medici decisero di far nascere la bambina, anche se molto prematura. E oggi, questa mamma si risveglia dal coma aggrappandosi con la prima parola pronunciata a sua madre, Mirella (che le è sempre stata accanto) (Aleteia IT)

La prima parola Adesso, come ha raccontato la Nazione, Cristina si è svegliata. Anche la piccola Caterina è in riabilitazione. (Corriere della Sera)

Neo-mamma si risveglia dopo 10 mesi di coma

«Serviranno ancora tanti soldi per coprire le spese esattamente 104mila euro - dice il marito - ma il fatto che Cristina si sia risvegliata ci dà ancora maggiore forza. «Cristina reagisce alle sollecitazioni - spiega il marito - e piange quando ascolta il messaggio vocale registrato per lei da Gianna Nannini, la sua star preferita». (Gazzetta di Parma)

Grazie a una raccolta fondi, la donna è stata ricoverata in una clinica specializzata in Austria, dove sta facendo i primi progressi. Da quel momento per lei è iniziato un calvario di cure e riabilitazione neurologiche: undici mesi dopo, all'improvviso, Cristina ha pronunciato la parola "mamma", lievemente e per tre volte. (Today.it)

La donna dette alla luce una bambina al settimo mese di gravidanza con un parto cesareo, dopo un gravissimo malore. La neomamma potrà conoscere finalmente la sua bambina, nata con taglio cesareo nei momenti drammatici in cui il marito e gli altri familiari hanno temuto seriamente di perdere entrambe. (Toscana Media News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr