Napoli, il vescovo: "Stanno uccidendo la città, camorristi convertitevi"

Napoli, il vescovo: Stanno uccidendo la città, camorristi convertitevi
La Repubblica INTERNO

Stanno uccidendo Napoli!

Agli uomini di camorra, ai corrotti e ai collusi con la criminalità dico: ritornate ad essere umani!

"Agli uomini di camorra, ai corrotti e ai collusi con la criminalità dico: ritornate ad essere umani!

La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani!".

"Stanno uccidendo Napoli!

(La Repubblica)

Su altre testate

Il vostro Vescovo non si tirerà indietro nell’accogliere e accompagnare i passi della conversione e della rinascita umana” – “Stanno uccidendo Napoli! (Metropolis)

A cura di Giuseppe Cozzolino. "State uccidendo Napoli: camorristi, deponete le armi e collaborate con la giustizia". Il 28 luglio, due autobombe esplosero nei pressi della Basilica di San Giovanni in Laterano e della Chiesa di San Giorgio in Velabro (Fanpage.it)

La città, aggiunge, «la sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani! «Stanno uccidendo Napoli! (Corriere del Mezzogiorno)

Camorra a Napoli, le vittime e i killer sono coetanei: è la mattanza dei ventenni

Ponticelli è ormai a ferro e fuoco, la lotta di potere tra i clan De Micco e i De Luca Bossa sta macchiando di sangue il quartiere. È il bilancio dell’ultimo pesantissimo anno vissuto a Napoli Est, dove è ormai conclamato lo scoppio di una vera e propria guerra tra clan. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

«Agli uomini di camorra, ai corrotti e ai collusi con la criminalità dico: ritornate ad essere umani! La sta uccidendo la camorra e il malaffare, con la violenza e la crudeltà di coloro che hanno dimenticato di essere umani!». (ilmattino.it)

Hanno appena il tempo di guardarsi negli occhi - giusto il tempo di riconoscersi al di là dei volti travisati e della maschera di pietra che si compone di fronte a un agguato - prima di inchiodarsi ai loro ruoli. (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr