MotoGP Spagna, Mir: “Arrivo a Jerez carico, voglio un altro podio”

MotoGP Spagna, Mir: “Arrivo a Jerez carico, voglio un altro podio”
Motosprint.it SPORT

“Acosta sta lavorando benissimo, già dalla passata stagione in Rookies Cup.

“L’anno scorso il caldo di Jerez non ci ha aiutato – ammette Mir - mentre quest’anno le temperature più basse potrebbero aiutarci.

“Ricordo bene quella gara, forse era la prima della mia seconda stagione in Rookies Cup, dopo una prima stagione molto difficile

Mir: “Acosta deve circondarsi delle persone giuste”. In attesa di capire quale potrà essere il suo potenziale in quel di Jerez Mir tesse le lodi del baby fenomeno Acosta, dispensando consigli certamente utili. (Motosprint.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Resta ancora Aprilia, che però è al contempo oggetto delle attenzioni del rinnovato team Gresini Basti pensare alle trattative attuali per decidere quali moto schiererà il suo team dal 2022 in MotoGP. (FormulaPassion.it)

Rossi: "Potrei correre ancora, dipenderà dai risultati". Da un ex campione del mondo a un altro che vuole ancora stupire più da pilota che da imprenditore. Quartararo: "La direzione è quella giusta". "Siamo pronti per vincere - ha detto Bagnaia - anche se la Yamaha è molto veloce. (la Repubblica)

Sono ragionevolmente ottimista di una buona soluzione sia in un caso sia nell’altro, possiamo costruire un interessante futuro sportivo per il team Gresini Stiamo parlando con loro, c’è un bel dialogo franco e sincero: quella di Aprilia è una opzione sul tavolo. (Moto.it)

MotoGP Spagna, Miller: “I social possono essere pericolosi”

Sarà difficile che io sia il pilota del team, ma non è da escludere“. Tutti coloro che lavorano alla VR46 sono molto felici. (Virgilio Sport)

Nelle prime tre prove, la scuderia di Iwata si è imposta con Maverick Vinales e Fabio Quartararo. Sul tracciato di Jerez de la Frontera un day-1 importante per definire gli assetti in vista delle qualifiche di domani e della gara domenicale. (OA Sport)

"Sui social c'è molta cattiveria e possono essere un'arma pericolosa. Una situazione che, secondo Miller, è causata dall'uso improprio dei canali social. (Motosprint.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr