Coronavirus, l'allarme di Luca Zaia: "In Veneto salgono i ricoveri, il dato preoccupa". Effetto-varianti?

Coronavirus, l'allarme di Luca Zaia: In Veneto salgono i ricoveri, il dato preoccupa. Effetto-varianti?
Liberoquotidiano.it INTERNO

23 febbraio 2021. I numeri sulla diffusione del Covid in Veneto tornano a salire, preoccupando così il governatore Luca Zaia.

"Siamo nella parte finale di quella che noi abbiamo chiamato seconda fase", ha detto il governatore del Veneto

Guarderei con attenzione questo dato che ci preoccupa", ha commentato Zaia.

Coronavirus, l'allarme di Luca Zaia: "In Veneto salgono i ricoveri, il dato preoccupa". (Liberoquotidiano.it)

Su altre testate

Ma voglio evidenziare che il numero di lotto lo fornisce il produttore dei vaccini, non l’intermediario “A fronte di numerose situazioni in cui ci è stata segnalata la possibilità di fornici vaccini, abbiamo avviato verifiche. (Quotidiano Sanità)

Flor:''Non ci aspettavamo questo segnale'', Zaia: ''Siamo preoccupati''. Dagli ospedali negli ultimi giorni ci sentiamo dire che arrivano sempre più pazienti direttamente da casa e abbastanza impegnativi” (il Dolomiti)

La maggior parte dei casi (33,7%) è avvenuta nelle scuole primarie, seguono la secondaria di secondo grado (23,2%) e la scuola dell'infanzia (22%). Il dato è stato diffuso oggi dalla Direzione di prevenzione regionale. (Il Gazzettino)

Covid, l'Alto Adige allunga il lockdown. E Zaia chiude le scuole superiori

Chiediamo che le restrizioni siano valutate dalla comunità scientifica nazionale e con intesa del Ministro della Salute. Numero eventi scolastici con caso secondario: 33% scuole dell’infanzia 26% primaria 18% secondaria primo grado 17% secondaria secondo grado (Radio Più)

Attualmente sono in area non critica 1255 persone, 139 in terapia intensiva, i decessi sono 21 (9742 da inizio epidemia). C’è una inversione di tendenza da monitorare con attenzione (RovigoOggi.it)

Covid, torna l'incubo scuole: a far paura ora sono le varianti di Corrado Zunino 24 Febbraio 2021 di Corrado Zunino. Contagi ancora alti. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr