Vaccini, il Parlamento europeo chiede la revoca dei brevetti

Vaccini, il Parlamento europeo chiede la revoca dei brevetti
Approfondimenti:
La Stampa ESTERI

In una risoluzione adottata oggi con 355 sì, 263 contrari e 71 astensioni, il Parlamento europeo chiede una deroga temporanea all'accordo “Trips” dell'Organizzazione mondiale del Commercio, al fine di migliorare l'accesso globale a medicinali connessi alla Covid-19 a costi abbordabili e di affrontare i vincoli della produzione mondiale e le carenze nell'approvvigionamento.

«Una sospensione dei brevetti può suonare bene, ma non è la panacea - ha aggiunto - L'accordo Trips offre già flessibilità e vogliamo concentrarci su proposte concrete come la promozione della licenza volontaria e i trasferimenti di conoscenze a condizioni reciproche»

***Iscriviti alla Newsletter Speciale coronavirus. (La Stampa)

Su altre fonti

Le divisioni al G7. Una posizione che però non sembra essere comune a tutti i governi Ue. L'emendamento, stando a quanto denuncia il vice-segretario dem Giuseppe Provenzano, non è stato votato da Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. (EuropaToday)

Da parte loro, Stati Uniti e Regno Unito dovrebbero “abolire immediatamente il loro divieto di esportazione di vaccini e delle materie prime necessarie per produrli. Inoltre, i deputati sottolineano che sono necessari 11 miliardi di dosi per vaccinare il 70% della popolazione mondiale e che è stata prodotta solo una piccola parte di tale quantità. (quotidianodigela.it)

(BELGIO) - Gli eurodeputati chiedono una revoca temporanea della protezione dei diritti di proprietà intellettuale per accelerare il dispiegamento a livello globale della vaccinazione anti-Covid-19. L'obiettivo è quello di migliorare l'accesso globale a medicinali connessi alla Covid-19 con costi abbordabili e di affrontare i vincoli della produzione mondiale e le carenze nell'approvvigionamento. (Tuttosport)

Il Parlamento Ue chiede la revoca dei brevetti dei vaccini Ansa

Infine, gli eurodeputati invitano l'Unione europea a garantire che i futuri accordi preliminari di acquisto siano pienamente divulgati, in particolare per i vaccini di prossima generazione, oltre a includere requisiti di trasparenza per i fornitori (Rai News)

Con coraggio il Parlamento europeo si è schierato dalla parte dei più deboli, i Paesi più poveri che chiedono più vaccini anti-Covid e a prezzi accessibili. Chi pensava di schierare l’Unione europea dalla parte delle multinazionali del farmaco si sbagliava. (Il Fatto Quotidiano)

Gli europei non sono benvenuti nel Regno Unito. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr