Tangenti e mazzette, terremoto in provincia Lab TV

Tangenti e mazzette, terremoto in provincia Lab TV
LabTV INTERNO

La denuncia da parte di due funzionari che hanno raccontato il delicato siustema alla base del giro di tangenti.

Un complicato intrigo di mazzette, tangenti e appalti pilotati con al centro la Provincia di Benevento.

Accertato un giro di affari di quasi 50mila euro a fronte di appalti milionari e su tutto la figura proprio di Michelantono Panarese come deus ex machina dell’intero quadro accusatorio. (LabTV)

Ne parlano anche altri media

Tra loro anche il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, per il quale il reato contestato è turbativa d’asta. Le indagini sono partite dalla denuncia di un ingegnere che ha reso dichiarazioni spontanee recandosi nella caserma dei carabinieri di Benevento. (CasertaCE)

“La notizia relativa agli arresti che hanno coinvolto anche la Provincia di Benevento deve destare preoccupazione e sollecitare una reazione immediata. “Dare continuità all’eventuale sistema che sta emergendo in queste ore - prosegue Maglione - sarebbe dare un segnale negativo all’intera comunità provinciale. (Realtà Sannita)

Nel corso delle indagini, inoltre, le conversazioni intercettate consentivano di svolgere ulteriori approfondimenti investigativi su ulteriori gare, e segnatamente quelle relative alla manutenzione degli istituti scolastici in cui stazione appaltante è la Provincia di Benevento (Orticalab)

Inchiesta su Tangenti e Corruzione: la nota della Procura della Repubblica di Benevento

L’attività investigativa dei Carabinieri del Comando Provinciale di Benevento guidato dal Col. 45-48- 49-50 per un importo di complessivi euro 535.363,86, gestita dalla Provincia di Benevento. (CORRIERE DEL GIORNO)

L’inchiesta, in particolare, riguarda 11 procedure pubbliche di appalto indette e/o gestite dalla Provincia di Benevento, dalla Provincia di Caserta e dal Comune di Buonalbergo. 30, 32, 33, 34 e 45 I lotto, procedura pubblica indetta dal Comune di Buonalbergo (BN). (TV Sette Benevento)

De Liguori di Sant’Agata de’ Goti (BN), dall’ importo complessivo di euro 204.536,08. Per questi motivi si contestavano provvisoriamente, nei confronti del presidente della provincia di Benevento – pubblico ufficiale, autore delle condotte sopra descritte- i delitti di tentativo di induzione a dare o promettere utilità e turbata libertà degli incanti. (Retesei)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr