Calabria, operazione Crypto. Arrestati anche due lametini: Mazzei è stretto collaboratore di Suriano

Calabria, operazione Crypto. Arrestati anche due lametini: Mazzei è stretto collaboratore di Suriano
Iacchite.blog ESTERI

Secondo gli investigatori Mazzei sarebbe uno stretto collaboratore di Francesco Suriano, giudicato esponente di spicco della cosca Gentile e colui il quale si sarebbe occupato della piazza di spaccio tra Amantea e Cosenza.

Si tratta di Andrea Mazzei, 37 anni, e Alessandro Scalise, 29 anni.

Tutti e due sono destinatari di misura cautelare.

Lamezia Terme – Vi sono anche due lametini fra le persone coinvolte nell’operazione antidroga realizzata oggi dalla procura antimafia di Reggio Calabria (Iacchite.blog)

La notizia riportata su altre testate

È indicativa, al riguardo, la creazione di una rotta per far giungere “la cocaina” anche in territorio maltese. In Germania, poi, operava anche Domenico Tedesco, residente ad Hattersheim (Germania), che forniva appoggio logistico quando i referenti dell’organizzazione si recavano in territorio tedesco. (Calabria 7)

di Reggio Calabria, trae origine da una costola di una vasta attività d’indagine eseguita sempre dal G. Contestualmente, i finanzieri hanno dato esecuzione al sequestro preventivo d’urgenza di beni, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, per un valore complessivo stimato in 3.767.400,00 euro. (Eco della Locride)

In Germania pure Domenico Tedesco con il compito, secondo gli inquirenti, di fornire appoggio logistico ai referenti dell’organizzazione. A riprova della costruzione investigativa posta in essere dalla Guardia di Finanza, venivano effettuati alcune perquisizioni veicolari, con successivi riscontri, all’ingresso nel territorio italiano. (CatanzaroInforma)

Svelato il codice criptato dei narcos. Bombardieri: «Comunicavano su scala internazionale»

Suriano, classe 1979, è il nipote del boss di Amantea Tommaso Gentile, capo indiscusso dell’omonima ‘ndrina. Secondo gli investigatori, Porcaro sarebbe stato posto al vertice del clan Lanzino-Patitucci (e dunque il gruppo dei cosiddetti “italiani”) direttamente da Francesco Patitucci. (Iacchite.blog)

Notizia tratta da ANSA.it. Dalle prime luci dell’alba è in corso un’operazione condotta dai militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catanzaro e del servizio centrale investigazione criminalità organizzata della Guardia di finanza di Roma, coordinati e diretti dalla Dda di Reggio Calabria per l’esecuzione, in diverse regioni d’Italia, di 57 misure cautelari nei confronti di esponenti di un’organizzazione criminale dedita all’importazione di cocaina dal Nord-Europa e dalla Spagna. (http://www.ciavula.it/)

Il procuratore capo Giovanni Bombardieri si complimenta per questo con la Guardia di finanza provinciale di Catanzaro e lo Scico che hanno condotto le indagini in collaborazione col Goa e il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria. (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr