Messina, sei classi in dad alla "Manzoni-Dina e Clarenza". Un positivo alla "Pietro Donato&quo

Messina, sei classi in dad alla Manzoni-Dina e Clarenza. Un positivo alla Pietro Donato&quo
Gazzetta del Sud - Edizione Messina INTERNO

Chiuso e in didattica a distanza da domani mattina il plesso scolastico Pietro Donato che fa parte del comprensivo "Paradiso" dove si erano già registrati, prima della pausa pasquale alcuni casi alla scuola dell'infanzia nella sede centrale.

Si va a ritroso nella ricerca dei contatti diretti sino a 14 giorni prima dall'ultimo contatto.

Scuola chiusa e classi, elementari e medie in dad sino all'esito dei tamponi molecolari programmati dai medici dell'Asp

Ecco perché in didattica a distanza finiscono studenti di classi diverse da quella dove si è verificato il contagio. (Gazzetta del Sud - Edizione Messina)

Se ne è parlato anche su altri media

Tra loro sono 2,7 milioni gli alunni più piccoli della scuola dell'infanzia e del primo ciclo, ammessi a scuola dal nuovo decreto legge, anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. Mentre sono 2,9 milioni gli studenti che rimangono ancora in Dad. (TG La7)

Gli studenti delle superiori e quelli delle seconde e terze medie, invece, continueranno a rimanerci con la didattica a distanza. Le classi seconde e terze riprenderanno invece le attività di didattica digitale integrata (LA NAZIONE)

La protesta, pacifica e a distanza di sicurezza, è un modo per farsi sentire, seppur nel silenzio cui sono costretti da tempo di Manuela Plastina. Vogliono tornare in classe, vogliono potersi guardare negli occhi nonostante mezzo viso coperto dalle mascherine, vogliono poter ascoltare i docenti di persona e non attraverso uno schermo. (LA NAZIONE)

"Bello ritrovare i nostri ragazzi Ma la didattica a distanza è utile"

Ritorno in classe da oggi per oltre 300mila studenti piemontesi, con la ripartenza della didattica in presenza anche in zona rossa secondo le misure previste dal governo Draghi,. Nella nostra regione sono circa 311mila studenti, dai nidi alla prima media a tornare in classe. (torinonews24.it)

Sono 2,9 milioni gli studenti che rimangono con la didattica a distanza. Per le stesse ragioni nelle regioni in zona rossa potranno accedere ai servizi per la prima infanzia (asili nido, 0-3 anni) anche 212 mila bambini. (Gazzetta di Parma)

Invece della didattica a distanza cosa ne pensano la maggior parte degli insegnanti? E se far stare tutti a casa può servire a garantire la comunità, ovviamente ci si deve adeguare. (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr