Bce, avviata ripresa area euro ma resta incognita pandemia

ciociariaoggi.it ECONOMIA

Il Consiglio direttivo ritiene che “i rischi per le prospettive economiche siano sostanzialmente bilanciati.

Il Consiglio direttivo ritiene “avviata la ripresa dell’economia dell’area dell’euro, ma la pandemia continua a gettare un’ombra su di essa, soprattutto a causa della variante Delta che costituisce una fonte di crescente incertezza

L’attività economica potrebbe risultare superiore alle aspettative della Bce qualora i consumatori spendessero più di quanto atteso attualmente e attingessero più rapidamente ai risparmi accantonati durante la pandemia. (ciociariaoggi.it)

Ne parlano anche altri media

Lo scrive la Bce nel bollettino economico, che si aspetta un andamento "molto positivo" per il manifatturiero e incertezze per le imprese dei servizi, specie turismo e ospitalità, a causa della variante Delta del Covid. (Tiscali.it)

L’Eurozona sta affrontando sfide simili ma in forma meno acuta, visto che anche prima della pandemia, aveva un’inflazione troppo bassa e una ripresa in affanno. Ma questo non implica che resterà a guardare l’inflazione che sale senza agire, anche se questo comporterebbe rischi per la crescita. (Investing.com)

La buona notizia arriva da Francoforte dove ha sede la Bce che oggi pubblica il suo bollettino mensile. La ripresa in atto della domanda interna e mondiale accresce l'ottimismo delle imprese, favorendo. (TGLA7)

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (Bce) ritiene avviata la ripresa dell’economia dell’area dell’euro ma la pandemia continua a gettare un’ombra su di essa, soprattutto a causa della variante Delta che costituisce una fonte di crescente incertezza. (Yahoo Finanza)

Roma, 5 ago – Il Consiglio direttivo della Bce ritiene avviata la ripresa dell’economia dell’area dell’euro ma la pandemia continua a gettare un’ombra su di essa, soprattutto a causa della variante delta. (9 colonne)

Candriam: la tolleranza di Fed e Bce sull'inflazione non è illimitata, ma per ora rischi modesti. Secondo Emile Gagna, economista di Candriam, la svolta sull’inflazione prima della Fed e ora della Bce, non significa che le banche centrali resteranno a guardare. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr