Fuoco amico da Tory su Boris Johnson per il 'partygate'

AGI - Agenzia Italia ESTERI

Quattro su dieci pensano inoltre che l’attuale primo ministro stia facendo un pessimo lavoro e si tratta dell’opinione dei suoi stessi elettori.

Il premier britannico Boris Johnson è sempre più sotto pressione per il cosiddetto 'Partygate'.

Secondo alcuni testimoni anche il primo ministro e sua moglie erano presenti all’evento.

Boris Johnson sembra politicamente accerchiato, ma la minaccia più consistente arriva dal fuoco amico dei suoi stessi compagni di partito

Dopo quattro giorni ospitava al numero 10 di Downing Street una festa illegale. (AGI - Agenzia Italia)

Su altre testate

Questo è il testo della mail inviata a più di 100 impiegati dell’ufficio del primo ministro britannico, Boris Johnson, dal suo primo segretario, Martin […] Dopo un periodo così impegnativo, abbiamo pensato che sarebbe carino approfittare del bel tempo e farsi un goccetto insieme nel giardino dell’N°10 stasera. (Il Fatto Quotidiano)

"Signor speaker, devo scusarmi. Cosi' Boris Johnson si e' scusato per l'incontro avvenuto a Downing Street quando il Paese era ancora in lockdown (Tiscali.it)

Per appurare quanto accaduto, c'è già un'inchiesta interna a Whitehall e addirittura Scotland Yard sta valutando se aprire un'indagine. In un sondaggio, inoltre, quasi la metà degli iscritti al partito conservatore ha detto che preferirebbe avere a Downing Street l’attuale ministro dell’Economia, Rishi Sunak, e un terzo pensa che Johnson debba dimettersi. (AGI - Agenzia Italia)

Ieri due sondaggi hanno mostrato che oltre la metà degli intervistati pensa che il primo ministro dovrebbe dimettersi. (Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Francesca Piscioneri) (Yahoo Finanza)

Party a downing street, il laburista starmer Johnson faccia la scelta giusta e si dimetta "L'opinione pubblica è convinta che lei stia mentendo, ha affermato Starmer. Lo ha detto il leader dei laburisti, Keir Starmer, alla Camera dei Comuni dove Boris Johnson si è scusato per aver partecipato al party a Downing Street durante il lockdown del 2020. (il Giornale)

Ross, che è anche deputato e membro del Parlamento scozzese, ha avvertito che scriverà alla Commissione 1922, che organizza le competizioni per la leadership conservatrice, affinché registri la sua mancanza di fiducia nel primo ministro. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr